13.3 C
Rome
lunedì, Settembre 26, 2022

Buy now

L’internet delle cose controllerà la tua vita

La casa automobilistica di lusso BMW, ha annunciato l’intenzione di addebitare ai proprietari delle loro auto, $ 18 al mese, per i sedili riscaldati.

Di per sé, questo non sembra un grosso problema, dato che la maggior parte delle persone non può permettersi una BMW, comunque, ma si inserisce in una tendenza più ampia, che penso catturi il vero significato dello slogan del World Economic Forum, relativo al Grande Reset, che recita:

Non possiedi nulla, non avrai privacy e sarai felice“.

Quando Klaus Schwab, o qualche altro globalista, ti dice che non possiedi nulla, non significa necessariamente che non possiedi letteralmente nulla, ma affitterai tutto dai miliardari.

e ciò accadesse, Amazon e Walmart fallirebbero e sappiamo tutti che non possono permetterlo.

Quindi, mentre tecnicamente possiedi ancora una casa, un’auto, un computer, degli elettrodomestici, un cellulare, ascolti musica ecc., nell’emergente economia digitale, lo possiedi davvero?

Cioè, hai il pieno controllo sull’utilizzo di quei prodotti?

Se hai un atto, o una ricevuta, che dice: “pagato per intero“, ci sono commissioni di servizio speciali, richieste per il “privilegio” di utilizzare quel prodotto?

Anche se non ci sono commissioni, qualsiasi entità esterna ha la possibilità di monitorare, o spegnere, qualsiasi dispositivo che possiedi?

Quanti dei tuoi dati personali vengono inviati al produttore, che poi li utilizza per venderti altri prodotti, o vende i tuoi dati al governo e ad altre società?

Microsoft, di Bill Gates, potrebbe essere stata la prima ad attirare le persone in questa trappola, con il suo sistema operativo Windows e la suite Office.

Tu lo compri, loro lo possiedono.

Se non si aggiorna continuamente il software, con ogni nuovo aggiornamento, alimentando i dati Microsoft sull’utilizzo, alla fine lo si perde.

Non funzionerà più, o almeno non in modo molto efficiente. Lo stesso vale per il tuo iPhone.

Ora sta accadendo con i veicoli e non solo con componenti aggiuntivi di lusso, come i sedili riscaldati.

Lo compri, ma loro possiedono il software per bloccare determinate funzionalità e devi pagarli per sbloccarle o, come minimo, ti richiedono di “registrare” il prodotto, per poter utilizzare determinate funzionalità.

Potrebbe non essere necessario pagarli, ma registrandoti, consegni comunque – gratuitamente – i tuoi dati personali, che usano per rafforzare i profitti.

E la situazione sta per peggiorare: entro il 2026, il governo federale ha imposto a tutti i produttori di veicoli, di includere un “kill switch remoto, in ogni veicolo che lascia le loro fabbriche.

Ora stiamo parlando, non solo di un sedile che non si riscalda, ma di un’auto che, potenzialmente, non potrà più essere messa in moto. In quel caso, davvero non possiedi affatto quell’auto, perché non appena il tuo punteggio di credito sociale scende al di sotto di un certo livello, il governo può semplicemente capovolgere il kill switch e la tua auto viene resa inutilizzabile.

Questa strategia sarà presto estesa anche alla casa.

I costruttori stanno costruendo “case intelligenti” all’interno di “città intelligenti“.

Le persone alla moda, con molti soldi che non sanno come impiegare e con l’amore per questi tipi di case, dove tutto è al loro servizio, non devono alzare un dito.

Entrano nella loro casa intelligente e abbaiano un certo comando, o battono le mani e le luci si accendono, l’aria condizionata si ripristina alla temperatura serale che desiderano e così via, e così via.

Ma anche le case che non portano l’etichetta di casa intelligente, sono connesse in modalità wireless e hanno un vasto potenziale di malizia tecnocratica, da parte di terzi, che non vivono nella tua casa.

Perché?

Perché l’80% delle case degli Stati Uniti ha già il meccanismo in atto che permette ai tecnocrati di intervenire nel consumo di energia. Si chiamano contatori intelligenti: piccoli chip che interagiscono con la rete elettrica, monitorando, non solo quanta energia stiamo usando, in tempo reale, ma da dove esattamente quella potenza sta attingendo. Ogni apparecchio realizzato negli ultimi 20 anni circa, contiene un chip che parla con il contatore intelligente e dice alla compagnia elettrica tutto ciò che deve sapere sulla provenienza del consumo di energia elettrica.

Se hai ospiti a casa tua, il tuo fornitore di acqua può dire – da quanti scarichi del bagno, o dal funzionamento della lavastoviglie – quante persone rimangono lì e per quanto tempo.

Pensa alle possibilità.

Nella cosiddetta “economia verde” spinta dal WEF, i governi, ad un certo punto, implementeranno le quote sull’uso dell’energia. Se hai superato la tua assegnazione mensile per acqua o elettricità – citando le ultime normative sui cambiamenti climatici – spengono automaticamente il rubinetto, o forse spegneranno alcuni apparecchi che sono stati abusati da un cittadino “irresponsabile“, che supera regolarmente la sua impronta di carbonio assegnata.

Mi sembra già di sentirlo: “Tre tiri di sciacquone e sei fuori! Niente più energia per te! Niente più acqua!”

Oh, ma non ti preoccupare. Il tuo amichevole regolatore governativo, o il suo partner aziendale, ti chiamerà e ti informerà che, per le persone dispendiose come te, hanno un accordo speciale, con il quale puoi ottenere un po’ di energia extra, in aggiunta alla tua assegnazione mensile, se paghi alla compagnia elettrica una commissione per riaccenderla.

La stessa cosa vale per quella nuova auto elettrica scintillante, che i politici e i media ti stanno dicendo che devi comprare. Quanti addebiti ti saranno consentiti prima di aver superato la tua assegnazione?

Oggi sentiamo molto dire, nei media mainstream, che l’energia non è sufficientemente disponibile, per le estati ultra-calde causate dai cambiamenti climatici, il che è, ovviamente, una bugia. La vera ragione per cui manca l’energia, è perché hanno messo offline tantissime centrali elettriche a carbone e dipendono sempre più dall’energia eolica e solare, che sono inaffidabili.

Quando senti questo tipo di propaganda nei media e inizi a sperimentare dei blackout pre-pianificati, dovresti sapere che ci stanno preparando per la nuova economia digitale, basata sulle risorse del Grande Reset, dove non possiedi davvero nulla e impari ad essere contento così.

Ma non fatevi ingannare dalla parola: “proprietà“.

Non possedendo” nulla, ciò che ci stanno davvero dicendo, è che anche le cose che pensiamo di possedere, non sono sotto il nostro controllo.

Anche le armi da fuoco si stanno muovendo in questa direzione. Si dice che lepistole intelligenti“, connesse digitalmente, siano l’onda del futuro e minaccino di cancellare il Secondo Emendamento.

Questo è il motivo per cui le élites globaliste, che spingono il Grande Reset, vogliono così disperatamente inaugurare una nuova economia digitale, nella quale tutto sia connesso a internet. Perché è solo attraverso la digitalizzazione, che i tecnocrati saranno in grado di monitorare e controllare veramente, tutti gli aspetti dell’attività umana.

Questo è ciò che l’Internet of Things ha come obiettivo.

Nel lontano 1970, Zbigniew Brzezinski, predisse che questo giorno sarebbe arrivato.

Nel suo libro, “Between Two Ages: America’s Role in the Technetronic Era, ha dichiarato:

“L’era tecnotronica comporta la graduale comparsa di una società più controllata. Una tale società sarebbe dominata da un’élite, svincolata dai valori tradizionali. Presto sarà possibile affermare una sorveglianza quasi continua, su ogni cittadino e mantenere aggiornati file completi, contenenti anche le informazioni più personali sul cittadino. Questi files saranno soggetti al recupero istantaneo da parte delle autorità. “

Gente! Ci siamo!!

In questo mondo, le politiche governative sono sempre più guidate dal settore privato.

I membri del governo seguono solo i soldi e il denaro è sempre alla base della tecnologia più recente, più invasiva e guidata dall’intelligenza artificiale.

Tutto sta avvenendo sotto il crescente controllo di Big Tech, Big Banks e Big Pharma, in collusione con lo stato amministrativo, saldamente radicato.

Posso prevedere un momento in cui potremmo ancora possedere un sacco di cose, sulla carta, ma le possederemmo davvero? O sarebbero loro a possederci?

E se non puoi imparare ad essere felice, vivendo in una società del genere, se ti lamenti troppo e troppo forte, c’è un posto speciale, riservato a queste persone. Si chiama gulag. Questo non sarà necessariamente un gulag fisico, ma sarà un luogo, in cui tutti i tuoi privilegi saranno portati via.

In una tecnocrazia, non hai diritti, solo privilegi.

Quindi, per i non conformi, non ci sarà nessuna macchina, nessuna casa, nessun denaro digitale in banca, nessun cellulare in tasca. Diventi una non-persona.

Questo è un posto che dobbiamo imparare ad apprezzare. Non l’ordine digitale mondiale unico dei tecnocrati di sorveglianza totale delle informazioni, ma il nostro mondo privato di sopravvivenza off-grid.

Ora è il momento di iniziare a praticare come sopravvivere nel mondo non digitale e off-grid.

Anche Aldous Huxley, autore del romanzo distopico del 1932, Brave New World, previde l’imminente tecnocrazia.

Huxley ha scritto:

Quindi ora ce l’hai. Il vero significato di: “non possiedi nulla e sarai felice”.

Non lasciatevi ingannare. Siate intelligenti.

ARTICOLO RIPORTATO DA LEO HOHMANN



Articolo precedenteLA RANA BOLLITA
Articolo successivoLA TECNICA DEL FRAMING (1a parte)

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

3,501FollowerSegui
20,100IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Latest Articles