13.4 C
Rome
lunedì, Settembre 26, 2022

Buy now

Il vento sta cambiando-World War Woke

Probabilmente abbiamo tutti sentito recentemente il termine “Woke”, diventato un MEME su internet e tanto spinto dai Black Lives Matter. È un termine che si usa per indicare una consapevolezza delle disuguaglianze e della giustizia sociale ma che in realtà è una vera e propria appropriazione culturale.

È il raro catch-all che è riuscito a rimbalzare da settori alternativi di Internet e i canali YouTube più rinnegati, fino al mainstream, senza davvero perdere la sua forma, funzione e il suo significato generale lungo la strada, nonostante i ripetuti tentativi di far sparire questa etichetta.

Essere “Woke” non significa semplicemente essere liberali, di sinistra, diversi o come un qualsiasi altro uomo di paglia con cui i complessi industriali dell’establishment aziendale e dei media tentano di sovvertire l’etichetta. Piuttosto, “Woke” si riferisce alla pratica consapevole, insidiosa, e in definitiva degna di far rabbrividire, di introdurre certi concetti in modo predicatorio, offensivo e cinico.

Il significato di “Woke” è leggermente diverso per ogni persona.

Quanto ognuno sia o non sia infastidito dall’infezione con questa ideologia marxista appena celata che riguarda praticamente tutta la significativa proprietà intellettuale americana, è soggettivo e difficile da prevedere. Anche la definizione potrebbe cambiare a seconda della prospettiva dell’etichettatore.

Detto questo, “Woke”, è un qualcosa che, in generale, ogni americano riconosce appena lo vede. E mentre ci sono seguaci dedicati a queste filosofie fondamentali, istituzionalizzate e sovvertenti la tradizione, un numero quasi uguale a questi da quelli politicamente e socialmente attivi agli ignoranti e persino compiacenti lo detestano.

Potremmo elencare diverse caratteristiche ripercorrendo le varie origini del virus della mente “Woke”, come viene spesso descritto, dal suo inizio marxista e comunista al suo intento culturale, sociale e. sì, anche politico: vale a dire, umiliare, sovvertire e, in definitiva, destabilizzare l’identità, la coesione e l’unità occidentali, ma questo non è l’intento del nostro articolo.

Oggi daremo un’occhiata alle ragioni più pratiche per i contenuti woke, perché sicuramente non TUTTE le aziende che si impegnano in wokeness sono sposate con esso alla radice, a livello ideologico, e vedremo se c’è qualche spiraglio all’orizzonte che si potrebbe cavalcare per eliminare questo virus culturale.

Wokeness a lungo termine danneggia il marchio, rendendo le proprietà di intrattenimento, che un tempo erano preziose, tossiche, inerti e in definitiva senza vita, e ci sono ancora sale riunioni aziendali in cui si sostiene la sua continuazione come una questione di praticità e NON di ideologia. E nell’ultimo quinquennio è stato ancora redditizio.

Ti chiederai, come è possibile?

Bene, hai mai sentito parlare dei punteggi ESG?

ESG è un altro di quei bellissimi acronimi orwelliani impiegati dal (totalmente inesistente) Nuovo Ordine Mondiale che sta per Environmental, Social and Corporate Governance.

Questo è un punteggio, una sorta di algoritmo assegnato attraverso varie metodologie, da think tank di ONG finanziati da ricchi oligarchi dello Stato Profondo, tra cui riconosceresti senza dubbio alcuni nomi e facce di cera fusa, e molti dei quali invece non individueresti, eppure cercano a prescindere di governare il mondo.

A livello di base, un punteggio ESG è un punteggio di responsabilità sociale, si pensi al sistema di credito sociale cinese, che cerca di assegnare un punteggio a tutte le principali organizzazioni.

Più alto è il punteggio, più denaro detta società può guadagnare non solo dagli investimenti ombra, ma anche per uno stuolo di hedge fund e società di investimento focalizzati sui fattori ESG che vendono tali punteggi ai loro investitori “socialmente consapevoli”, non solo come una questione morale, ma come una cosa pratica.

Per qualche tempo, l’effetto sinergico tra il pompaggio artificiale dei punteggi ESG aziendali all’iniezione artificiale di liquidità nelle società con punteggi ESG elevati ha portato a un ciclo di feedback marxista positivo.

Da un lato, la maggior parte degli osservatori, dagli investitori ai principianti completi ai soggetti ESG e al mercato azionario in generale, hanno una comprensione innata del fatto che il “Woke” dovrebbe equivalere a un’eventuale rottura. Eppure, le società con punteggi ESG elevati hanno continuato a crescere, costruendo capitale ESG sulla base di false promesse, metriche distorte e, soprattutto, di proiezioni altamente ottimistiche.

Quindi, come appaiono dette proiezioni in questi giorni? Come sta andando la World War Woke?

In una parola, sta andando alla grande.

Solo, tanto per cambiare, questa volta non mi riferisco a [loro]. Mi riferisco alla sanità fiscale e culturale.

Il mercato azionario è stato iniettato con più “falso capitale” “imbroglio” nell’ultimo decennio che in qualsiasi altro momento della storia americana. Questo vale anche per le aziende promotori di “Woke” e abbondanti in termini di ESG. Le proiezioni sono diventate realtà e il sentimento degli investitori, sebbene pesantemente manipolato, è arrivato a definire il successo di un determinato titolo indipendentemente dal fatto che tale azione derivasse o meno da una società che, in realtà, ha ottenuto un profitto.

Nonostante tutte le conseguenze negative che l’economia di Biden ha spinto sulla classe operaia, sembra che alcune delle aziende in cima alla piramide fiat globalista stiano iniziando a tremare, e potrebbero presto iniziare a rovesciarsi una dopo l’altra.

Negli ultimi diciotto mesi c’è stata una stretta della cinghia da un punto di vista economico. Pertanto, gli hedge fund che si impegnano in comportamenti rischiosi (ad esempio investendo in base alle proiezioni e polvere arcobaleno ESG rispetto ai fondamentali sottostanti di mercato e produzione) stanno iniziando a fallire.

Gli investitori al dettaglio, noti anche come Main Street, non hanno tanti soldi da “buttare in giro” come hanno fatto nel 2020-21 durante una breve e altamente dannosa era di stimoli di massa e zero responsabilità: o sono seduti in attesa, o investono i loro soldi in titoli più sicuri. Ancora una volta, le azioni derivano da società che in realtà gestiscono attività solide.

Come risultato di questo effetto frusta sui mercati, le società senza fondamenta solide sono costrette a mostrare agli investitori i loro primi rapporti trimestrali veramente negativi da anni e, come molti investitori solidi hanno osservato, il capitale fugge dove viene trattato meglio; il mercato sta iniziando a imparare che il capitale NON è trattato meglio nella cura delle società i cui consigli di amministrazione sono più impegnati a discutere se utilizzare il Pride ucraino o le bandiere Gay Pride sui loro profili Twitter per una determinata settimana rispetto a quelli che sviluppano o continuano modelli di business logistici, solidi e produttivi.

I fondi ESG stanno affondando. Il capitale sta diventando “spaventato” e, quindi, smart.

E woke è l’opposto di smart.

La testata giornalistica ZeroHedge lo spiega senza mezzi termini:

“Non lo ammetteranno mai apertamente, ma il weakness fa sì che le aziende crollino. C’è una debolezza all’interno delle produzioni weakness che i media alternativi hanno sottolineato da molto tempo: non fanno profitto perché sono progettati per placare una minoranza di zennials di sinistra che non hanno soldi. Questa è l’utenza sbagliata su cui fare affidamento per il flusso di cassa.

Alcune aziende si stanno finalmente rendendo conto di questo fatto e stanno agendo per ridurre la loro esposizione ai contenuti woke , altrimenti muoiono per la perdita di utenti. Ecco il punto: la sinistra potrebbe prendere il controllo di ogni piattaforma per la distribuzione dei media (quasi ce l’ha), ma non può ancora costringere il pubblico a consumare contenuti woke . Alla fine, la perdita di utenti e profitti danneggerà i loro profitti”.

Per fare alcuni esempi specifici, due dei più recenti eventi attuali che indicano un rallentamento e persino un’inversione nel culto del woke sono le decisioni gemelle di Netflix e Warner Media di annullare i contenuti completamente woke per il contraccolpo previsto dai potenziali fan.

Netflix ha anche recentemente lanciato una lettera di avvertimento ai propri dipendenti (molti dei quali sono stati allontanati sulla scia dei licenziamenti aziendali) dicendo loro che, nel tentativo di fare appello a una base di consumatori più ampia (e più solvente), sposteranno gli obiettivi di produzione verso lo sviluppo di una vasta gamma di intrattenimento, compresi i programmi che rivolti agli americani reali.

Mentre è troppo presto per dire se queste mosse più fiscalmente e in definitiva, “socialmente” responsabili si tradurranno in un rimbalzo degli spettatori e quindi, del denaro, le mosse sono indicative di un takeaway piacevolmente ottimista:

La Guerra di Woke si è trasformata abbastanza rapidamente nella Guerra ON Woke.

E nel cambiamento, questo in effetti potrebbe essere divertente da guardare.

Tradotto e trascritto da

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

3,501FollowerSegui
20,100IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Latest Articles