7.2 C
Rome
lunedì, Novembre 28, 2022

Buy now

Mark Zuckerberg colpito da denunce legali

Video sottotitolato da @fabioarmy

IL CEO di Facebook Mark Zuckerberg, sua moglie e tre gruppi per i diritti di voto, sono stati colpiti giovedì da denunce legali relative a illeciti legati alle attività che circondano le elezioni del 2020.

Giovedì mattina, con l’Internal Revenue Service (IRS), il Center for Renewing America (CRA) ha presentato due denunce: la prima contro Zuckerberg e sua moglie Priscilla Chan e la seconda contro i gruppi Center for Tech and Civic Life (CTCL), Center for Election Innovation and Research (CEIR) e National Vote at Home Institute (NVAHI).

Le denunce, ottenute da FOX Business, sostengono che Zuckerberg e i tre gruppi sono stati coinvolti in uno schema per iniettare quasi $ 500 milioni nelle elezioni del 2020 al fine di “lanciare” il presidente Biden. Biden alla fine ha sconfitto l’ex presidente Donald Trump, vincendo negli swing states chiave: Arizona, Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin.

Secondo il CRA, Zuckerberg ha assunto l’ex manager della campagna di Obama, David Plouffe, per guidare lo sforzo. Plouffe avrebbe incanalato la maggior parte delle sovvenzioni da cento milioni di dollari, dalla coppia, alle giurisdizioni a tendenza democratica negli swing states, attraverso i tre gruppi per i diritti di voto, esenti da tasse, prima delle elezioni del novembre 2020.

“È oltremodo vergognoso immaginare che i contribuenti federali sovvenzionino le preferenze partigiane dei miliardari che avrebbero potuto facilmente dare a un super PAC democratico nel 2020”,

ha detto il CRA in una dichiarazione condivisa con FOX Business.

“Ma, naturalmente, allora non sarebbero stati in grado di prendere una detrazione fiscale, quindi hanno mascherato la natura politica delle loro donazioni e le hanno mescolate attraverso intermediari ‘caritatevoli’, facendo pagare il conto agli americani comuni”,

ha continuato il CRA.

Il CRA ha osservato che la legge federale vieta, alle persone, di fare donazioni destinate ad aiutare, illegittimamente, un partito politico rispetto a un altro.

Le denunce affermano che l’IRS deve negare qualsiasi esenzione dall’imposta sul reddito personale raccolta da Zuckerberg e Chan, per le loro donazioni a CTCL, CEIR e NVAHI, durante il ciclo elettorale del 2020.

Il CRA, ha inoltre chiesto all’IRS di porre fine alle esenzioni fiscali dei tre gruppi.

“Lasciamo al Servizio il compito di determinare se ci sono prove sufficienti per sostenere un’indagine penale su Chan o Zuckerberg per frode fiscale”,

ha affermato la denuncia del CRA.

Tuttavia, per lo meno, spetta all’IRS recuperare quella che è probabilmente una falsa detrazione fiscale su un ordine di grandezza di circa cento milioni di dollari: un sussidio illegale dei contribuenti, per sostenere gli scopi elettorali democratici“”.

Il CRA ha aggiunto che è “spazzatura“, suggerire che Zuckerberg e Chan abbiano assunto Plouffe per aiutare i governi locali su base apartitica.

Il CRA è un gruppo politico conservatore guidato dall’ex alto funzionario dell’amministrazione Trump, Russ Vought. La missione dell’organizzazione è quella di: “rinnovare un consenso dell’America come nazione, sotto Dio, con interessi unici, degni di essere difesi“.

In una dichiarazione, Brian Baker, portavoce di Mark Zuckerberg e Priscilla Chan, ha citato una sentenza 6-0 della Commissione elettorale federale di agosto, che ha dichiarato che la connessione tra le donazioni della coppia del 2020 e qualsiasi scopo per influenzare le elezioni è: “speculativa, nella migliore delle ipotesi“.

“Come ha confermato la recente decisione unanime e bipartisan 6-0, della Commissione elettorale federale, le donazioni a due organizzazioni senza scopo di lucro 501 (c) (3) (il Center for Tech and Civic Life e il Center for Election and Innovation Research), per aiutare a sostenere il voto nel 2020 durante le condizioni senza precedenti della pandemia, erano apolitiche, imparziali e intese solo a garantire che tutti gli americani potessero votare in sicurezza, indipendentemente dall’affiliazione al partito o dalle preferenze dei candidati”,

ha detto Baker a FOX Business.

“Anche se non abbiamo né ricevuto né esaminato il reclamo, siamo fiduciosi che qualsiasi revisione dei fatti, da parte dell’IRS, lo confermerà. Inoltre, la segnalazione della denuncia da parte del Center for Renewing America suggerisce che si basa su evidenti inesattezze fattuali e ripete diverse affermazioni smentite e assurde “, ha aggiunto.

Articolo tradotto da

Video sottotitolato da @fabioarmy

Articolo precedente
Articolo successivo

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

3,580FollowerSegui
20,300IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Latest Articles