-17.7 C
Rome
sabato, Febbraio 4, 2023

Buy now

La Cina ha ottenuto pieno accesso agli Stati Uniti

In uno spaventoso e storico atto di violazione della sicurezza nazionale, i funzionari del governo degli Stati Uniti hanno formulato politiche, che hanno permesso alla Cina di “colonizzare“, ogni componente del programma di ricerca e sviluppo americano, compresi i militari.

Come la maggior parte delle cattive idee, tutto è iniziato sotto l’amministrazione Clinton.

A partire dal 1996, i funzionari di Clinton hanno invitato scienziati dell’Esercito Popolare di Liberazione Cinese (PLA), nei laboratori dell’esercito degli Stati Uniti.

Di seguito alcuni esempi.

Chunyuan Luo, letteralmente, è passato dal lavoro presso l’Istituto di Farmacologia e Tossicologia, Accademia delle Scienze Mediche Militari di Pechino – un elemento del programma della guerra chimica della Cina – direttamente al Walter Reed Army Institute of Research, da dove ha condotto una collaborazione di ricerca decennale con l’US Army Medical Research Institute of Chemical Defense di Aberdeen Proving Ground, Maryland.

Dopo aver lasciato il Walter Reed nel 2012, Chunyuan Luo è diventato un esaminatore di brevetti, per l’Ufficio Brevetti e Marchi degli Stati Uniti, con potenziale accesso a tutti i brevetti statunitensi, relativi alla difesa dalla guerra biologica e chimica.

Appare anche su un database di talenti, che alcuni considerano un’indicazione dell’interesse o dell’amicizia, del Partito Comunista Cinese (PCC).

Nonostante abbia mentito sul fatto che la sua nazionalità fosse canadese, Chunsheng Xiang è stato, tuttavia, assegnato all’Istituto di Ricerca Medica delle Malattie Infettive dell’esercito degli Stati Uniti (USAMRIID), dove ha studiato un agente di guerra biologica altamente patogeno e potenziale: il virus Ebola.

Ora è professore all’Università di Zhejiang, in Cina ed è ben collegato alle alte sfere del PCC e del PLA.

Incredibilmente, uno degli scienziati cinesi portati negli Stati Uniti nell’ambito del programma di Clinton, viene mostrato con indosso un’uniforme dell’esercito degli Stati Uniti, mentre studia tecnologie laser avanzate, presso il distaccamento di ricerca medica dell’esercito americano, a San Antonio, in Texas.

Non è chiaro cosa abbia fatto dopo il suo mandato a San Antonio, ma c’è un Guo-Ping Li che ora lavora per il programma spaziale cinese, utilizzando tecnologie laserper radiotelescopi.

Di gran lunga, il fattore più importante, che ha facilitato l’infiltrazione della Cina nei programmi di ricerca e sviluppo degli Stati Uniti, è stato il processo di immigrazione legale, che il PCC ha sfruttato.

A differenza della massiccia invasione degli Stati Uniti da parte di stranieri illegali, per lo più poveri, attraverso il nostro confine meridionale, la Cina ha inviato professionisti altamente qualificati negli Stati Uniti, che hanno ottenuto posizioni chiave nel mondo degli affari e nel mondo accademico.

La formula è rimasta la stessa per 40 anni.

Un giovane scienziato della Repubblica Popolare Cinese completa un dottorato di ricerca, o una formazione post-dottorato negli Stati Uniti, quindi viene assunto da un’università, o da un centro di ricerca statunitense ed eventualmente richiede la cittadinanza statunitense.

Lo scienziato cinese, lavorando negli Stati Uniti, successivamente stabilirebbe ampie collaborazioni di ricerca con scienziati della Repubblica Popolare Cinese e diventerebbe un “ancoraggio“, per ulteriori ondate di giovani scienziati cinesi comunisti, da addestrare negli Stati Uniti. Alcuni porterebbero conoscenze, abilità e tecnologie americane in Cina, mentre altri diventerebbero anche cittadini statunitensi.

Lava, risciacqua, ripeti.

Oltre al programma di Clinton di collocare gli scienziati del PLA direttamente nei centri di ricerca militare degli Stati Uniti, gli scienziati cinesi sono spesso “ripuliti“, attraverso istituzioni civili negli Stati Uniti, prima di ottenere l’accesso alle strutture militari.

Il Frederick National Laboratory for Cancer Research del National Institutes of Health (NIH), che si trova all’interno di Fort Detrick, era inizialmente il “ventre molle“, con cui gli scienziati cinesi hanno ottenuto l’accesso all’USAMRIID.

Il caso in questione – dato che gli esempi sono troppo numerosi per essere documentati qui – è una pubblicazione scientifica del 2007 sul coronavirus, dalla prima pandemia di SARS nel 2002-2004, intitolata: “Potente neutralizzazione cross-reattiva degli isolati di coronavirus SARS da anticorpi monoclonali umani”.

Gli autori rappresentano una collaborazione di scienziati del Frederick National Laboratory for Cancer Research, della Virology Division di USAMRIID e del National Institute of Allergy and Infectious Disease (NIAID) del Dr. Anthony Fauci.

Anche i singoli autori sono interessanti.

Ciò che si nota per prima cosa, sulle storie pubblicate dei due scienziati del Frederick National Laboratory for Cancer Research, addestrati in Cina, Zhongyu Zhu e Xiaodong Xiao, è che il loro lavoro si è occupato meno del cancro che dei virus, molti dei quali sono agenti patogeni altamente pericolosi, studiati anche dal programma di guerra biologica cinese.

Un altro autore è lo scienziato addestrato al PLA: Shibo Jiang.

Prima di tornare in Cina come professore alla Fudan University di Shanghai, Shibo Jiang era stato impiegato presso il Lindsley F. Kimball Research Institute del New York Blood Center, per quasi vent’anni.

Durante quel periodo, ha sviluppato una vasta rete di ricerca collaborativa con altri importanti laboratori di ricerca sui virus, degli Stati Uniti e ha ricevuto oltre 17 milioni di dollari in borse di ricerca statunitensi, la stragrande maggioranza proveniente dal NIAID di Fauci.

Allo stesso tempo, Shibo Jiang ha mantenuto un’ampia ricerca collaborativa con i laboratori del PLA, descritti in dettaglio qui, mentre, contemporaneamente, invitava nel suo laboratorio statunitense e formava scienziati legati all’esercito cinese, come Yuxian He, un altro autore della citata pubblicazione del 2007.

Uno scienziato addestrato in Cina, Xiankun “Kevin” Zeng, ha usato quel percorso; prima studiando moscerini della frutta presso il Frederick National Laboratory for Cancer Research e poi diventando un dipendente permanente di USAMRIID, dove ha accesso alle informazioni più sensibili dell’esercito americano, sulla difesa da guerra biologica.

Xiankun Zeng ha conseguito il dottorato di ricerca presso il Key Laboratory of Developmental Genes and Human Disease, Ministero della Pubblica Istruzione, Institute of Life Science, Southeast University, a Nanchino.

Quel laboratorio ha una stretta collaborazione con il Comando militare di Nanchino, ora parte del Eastern Theater Command, del PLA.

Nell’ottobre 2015, Xiankun Zeng rivendicava ancora l’affiliazione con la Southeast University di Nanchino.

Anche mentre lavorava presso USAMRIID, Xiankun Zeng ha mantenuto stretti legami con i programmi di ricerca sui virus cinesi mostrati in questa foto, mentre tiene una conferenza sui virus mortali Ebola e Marburg presso l’Istituto di virologia di Wuhan, il 9 ottobre 2018.

Xiankun Zeng è stato portato in USAMRIID, nel 2015, da un altro scienziato cinese: Mei Guo Sun, che lo ha sponsorizzatocome National Research Council / US Army Medical Research and Materiel Command Research Associate, dopo aver lavorato insieme all’Howard Hughes Medical Institute di Chevy Chase, nel Maryland. Mei Guo Sun è ora il U.S. Army Portfolio Manager for Neurosensory research, per la ricerca neurosensoriale, nel programma di ricerca sulla medicina operativa militare.

Il consolidamento di tutti i programmi di biodifesa militari e civili statunitensi a Fort Detrick, negli ultimi dieci anni, ha reso più facile per gli scienziati addestrati in Cina, ottenere l’ingresso.

Il National Interagency Biodefense Campus è una struttura a Fort Detrick a Frederick, nel Maryland. La sua organizzazione ombrello è la National Interagency Confederation for Biological Research (NICBR), una partnership biotecnologica e biodifesa e ambiente collaborativo di otto agenzie governative federali degli Stati Uniti:

  • U.S. Army Medical Research and Materiel Command (USAMRMC), DoD
  • Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID), DHHS
  • National Cancer Institute (NCI), DHHS
  • Servizio di ricerca agricola, USDA
  • Direzione della scienza e della tecnologia del DHS, DHS
  • Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), DHHS
  • Centro di ricerca medica navale (NMRC), DoD
  • U.S. Food and Drug Administration (FDA), DHHS.

I due principali centri di ricerca sulla biodifesa a Fort Detrick sono: USAMRIID e la componente civile più recente, la struttura di ricerca integrata del NIH, che fa parte della divisione di ricerca clinica del NIAID di Fauci.

La missione del NICBR è gestire, coordinare e facilitare la conduzione della ricerca, su alcune delle più pericolose malattie infettive emergenti e patogeni della biodifesa, per sviluppare contromisure mediche e migliori risultati medici.

La natura stessa dell’ormai ampio programma congiunto civile-militare di Fort Detrick, una parte significativa del quale è amministrata da appaltatori esterni – con una minima enfasi sulla sicurezza nazionale – lo rende vulnerabile a potenziali infiltrazioni.

Nel novembre 2007, il Battelle Memorial Institute ha vinto un contratto di 10 anni, da 257 milioni di dollari, per gestire un futuro laboratorio di difesa biologica NIH, a Fort Detrick, quello che, alla fine, sarebbe stato conosciuto come la struttura di ricerca integrata del NIH.

Battelle ha anche vinto un contratto quinquennale da 250 milioni di dollari, per gestire un laboratorio del Dipartimento della Sicurezza Nazionale a Fort Detrick. Quel contratto prevedeva cinque estensioni facoltative annuali, per un valore potenziale totale di $ 500 milioni.

All’epoca, Battelle ha detto che avrebbe fornito fino a 119 scienziati e tecnici, per il personale dell’High Containment Integrated Research Facility pianificato dal NIAID di Fauci e 120 persone per il National Biodefense Analysis and Countermeasures Center del Dipartimento della Sicurezza Nazionale.

Secondo Battelle, i subappaltatori includerebbero:

  • il Midwest Research Institute,
  • il Loveless Respiratory Research Institute,
  • i Charles River Laboratories,
  • Tunnell Consulting e
  • il Washington Technology Group.

È importante notare che i comunicati stampa e i riconoscimenti nelle pubblicazioni scientifiche, hanno ripetutamente e, forse intenzionalmente, scritto male “Loveless“, che è, in realtà, l’occasionalmente controverso Lovelace Respiratory Research Institute.

Molti scienziati cinesi hanno ottenuto l’accesso a Fort Detrick, dopo essere stati assunti da appaltatori e subappaltatori della struttura di ricerca integrata del NIH.

Yu “Lucy” Cong ha lavorato per la struttura di ricerca integrata del NIH, a Fort Detrick, dal 2012, prima per il Battelle Memorial Institute e più recentemente per Laulima Government Solutions, entrambi appaltatori NIH.

Yu “Lucy” Cong ha conseguito la laurea in medicina presso la Jinzhou Medical University e un master in immunologia, presso il Peking Union Medical College di Pechino.

Tra il 1995 e il 2003, ha lavorato nella Divisione di Epatite Virale, dell’Istituto per il controllo e la prevenzione delle malattie virali, presso il Centro cinese per il Controllo delle Malattie.

Il suo mentore e collaboratore di ricerca, presso il Centro Cinese per il Controllo delle Malattie, è stato Wenjie Tan, la cui altra affiliazione è  il Central Theater Command’s People’s Liberation Army General Hospital di Wuhan, oltre ad essere coautore di una recente pubblicazione (2018) sulmortale coronavirus MERS, con gli scienziati del PLA: Guangyu Zhao e Yusen Zhou.

Come scienziato del programma di ricerca sulla biodifesa consolidato, di Fort Detrick, Yu Cong ha anche pubblicato un articolo scientifico sul coronavirus MERS, nel 2018.

Altri scienziati cinesi, che lavorano per appaltatori, all’interno della struttura di ricerca integrata del NIH, a Fort Detrick e hanno condotto ricerche sui virus più pericolosi del mondo, includono: Yingyun Cai, Shuiqing Yu e Huanying Zhou.

Oltre a Xiankun “Kevin” Zeng e Mei Guo Sun, altri scienziati cinesi che hanno lavorato su virus altamente patogeni all’USAMRIID sono: Jun Liu, Xiaoli Chi, Lian Dong e Chih-Yuan Chiang.

Deve ancora essere completamente determinato fino a che punto gli scienziati cinesi impiegati presso il National Interagency Biodefense Campus di Fort Detrick abbiano legami con l’esercito cinese.

TRADOTTO E RIPORTATO DAL TGP

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

3,692FollowerSegui
20,500IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Latest Articles