8.8 C
Rome
lunedì, Novembre 28, 2022

Buy now

I Vaccini e i Richiami aiutano la diffusione di Omicron

Un team di 19 scienziati del Regno Unito ha pubblicato una nuova ricerca che aiuta a spiegare perché i paesi con i più alti tassi di vaccinazione stanno sperimentando il maggior numero di quelle che chiamano “infezioni rivoluzionarie”, così come la reinfezione con altre varianti di COVID-19.

Un articolo di qualche mese fa ma estremamente attuale perché. pubblicato il 14 giugno 2022 sulla rivista peer-reviewed Science, è stato scaricato quasi 277.500 volte in meno di due mesi. 
Questo è molto insolito per uno studio scientifico altamente tecnico densamente formulato.

Possiamo solo ipotizzare il motivo per cui così tante persone lo stanno leggendo. Ma ciò che suggerisce questo studio, su cui molti clinici e ricercatori hanno espresso preoccupazione, è che i vaccini mRNA COVID-19 e i “booster” (richiami) potrebbero rendere la nostra risposta immunitaria sempre più meno efficace contro la variante Omicron del virus e NON SOLO.

Se questo è corretto, significa che il vaccino stesso sta portando a un’infezione diffusa. 
Invece di fermare il virus, sembra che i programmi di vaccinazione dell’mRNA in tutto il mondo possano aver inavvertitamente reso il virus più onnipresente e le ultime ricerche e dati statistici più recenti e emersi anche nel mainstream, stanno inesorabilmente confermando i risultati di questa ricerca.


Una maggiore assunzione di vaccini porta a tassi di infezione più elevati

Come sottolineano gli scienziati britannici, i paesi con tassi di assunzione di vaccini più elevati stanno sperimentando un numero elevato di infezioni primarie e frequenti reinfezioni da SARS-CoV-2.

Al contrario, nei luoghi in cui le campagne di vaccinazione non sono state ampiamente implementate, compresa la maggior parte dei paesi del continente africano , le persone non vengono infettate.

Analizzando il motivo per cui le popolazioni più vaccinate stanno assumendo la maggior parte delle infezioni da Omicron, questo studio si è concentrato sui professionisti più vaccinati: il personale medico a cui erano state somministrate le due dosi di vaccini mRNA all’inizio e che sono state poi vaccinate altre due volte. Per scoprire cosa stava succedendo a livello cellulare con questi operatori sanitari altamente vaccinati, gli scienziati hanno tenuto traccia dei diversi tipi di immunoglobulina nel sangue dei partecipanti.

L’immunoglobulina (Ig), nota anche come anticorpo (Ab), trova virus, batteri e simili e induce il sistema immunitario a rispondere in modo appropriato.

Gli scienziati hanno identificato diversi tipi di immunoglobuline, ognuno dei quali guida la risposta immunitaria in modo diverso per diverse fasi e tipi di infezione.


IgG4, una risposta immunitaria di tolleranza

L’IgG4 è la forma di immunoglobulina che attiva una risposta di tolleranza nel sistema immunitario, per cose a cui sei stato esposto ripetutamente e a cui non è necessario aumentare una risposta infiammatoria. Questo è un bene se stai cercando di evitare la sensibilità immunitaria a un alimento, per esempio. Ma non è il tipo di risposta immunitaria che i vaccini COVID-19 sono stati progettati per creare.

Gli apicoltori, quando vengono ripetutamente punti dalle api nel corso della loro carriera, attivano una risposta IgG4 all’assalto al loro sistema immunitario. Fondamentalmente, i loro corpi imparano che il veleno d’api non è pericoloso e la loro risposta immunitaria al veleno d’api diventa una risposta IgG4, quindi sono in grado di tollerare molto bene le punture. Mentre il veleno d’api stesso non danneggerà il corpo, la risposta infiammatoria del corpo stesso può essere pericolosa. Se il corpo reagisce in modo eccessivo e sviluppa una risposta generalizzata in cui l’infiammazione stessa mette a rischio la respirazione di una persona, la risposta immunitaria può essere letale.

Più vaccini portano a più infezioni da COVID-19

Questo studio dimostra esattamente come le vaccinazioni ripetute stiano rendendo le persone più suscettibili al COVID-19. Le dosi iniziali del vaccino hanno determinato le classiche risposte immunitarie infiammatorie. L’infiammazione è una parte fondamentale di una risposta immunitaria (a un vaccino oa un’infezione) ed è responsabile della maggior parte di ciò che provi quando sei malato: febbre, dolori, letargia, ecc. Questa infiammazione è il motivo per cui potresti sentirti male se ti fai il vaccino antinfluenzale e perché il vaccino COVID-19 è diventato famoso per aver fatto sentire le persone così malate per alcuni giorni. Il tuo corpo sta producendo una risposta infiammatoria alle proteine ​​​​COVID-19.

Ma cosa succede nel corpo dopo che hai fatto due vaccini e poi te ne viene somministrato un terzo? Gli scienziati hanno scoperto che dosi successive dei vaccini mRNA iniziano ad abituare o desensibilizzare i soggetti alle proteine ​​​​COVID-19, migrando la loro risposta immunitaria fino a essere dominata dalla forma IgG4, che essenzialmente insegna al corpo a tollerare le proteine.

Un diverso tipo di protezione?

La risposta degli infettati al COVID-19 era stata effettivamente disattivata, rendendoli ancora più vulnerabili all’infezione e meno propensi a dare una risposta ad essa rispetto a coloro che non erano mai stati vaccinati.

Quando sei esposto a un raffreddore o a qualsiasi altro virus ripetutamente, distanziato nel corso della vita, che è ciò che accade con l’esposizione naturale, non sviluppi una tolleranza ad esso, il tuo corpo lo combatte senza che tu te ne accorga. Il tuo corpo sta usando la normale risposta immunitaria che combatte la malattia ma, poiché riconosce l’agente infettivo, non hai sintomi di infiammazione. Questo è il motivo per cui quando sei naturalmente esposto a molte malattie, hai un’immunità permanente.

Al contrario, questo nuovo studio mostra che le ripetute iniezioni di mRNA e booster per COVID-19 stanno producendo una risposta di tolleranza, come se fossero colpi di allergia. Stanno abituando il corpo al virus, così che non lo riconosci più come qualcosa di pericoloso.

Un altro studio , pubblicato a luglio da un team di oltre 20 scienziati tedeschi, ha confermato in modo indipendente che le successive iniezioni e booster di COVID-19 stavano convertendo la risposta immunitaria dalla classe protettiva della risposta IgG alla classe di tolleranza.

Allo stesso tempo, creare questa tolleranza indotta dal vaccino non significava che i soggetti fossero lasciati non protetti.

Tenere le persone malate

Quindi il programma di vaccinazione e richiamo ha finito per fare l’opposto di ciò che doveva fare: impedire alle persone di ammalarsi.

Ma questo è mai stato un obiettivo realistico? COVID-19 è come i coronavirus endemici correlati. Proprio come il comune raffreddore, sembra che SARS-CoV-2 non stia scomparendo, nessuno possa evitarlo indefinitamente e che continuerà a mutare .

Da un lato, questo studio suggerisce che i vaccini stanno aiutando il sistema immunitario del corpo a non reagire in modo eccessivo al virus. Il virus in sé non stava uccidendo le persone: è stata l’interazione del virus con il sistema immunitario dei pazienti a causare infezioni gravi e talvolta letali , poiché il sistema immunitario reagiva in modo eccessivo a un nuovo virus.

D’altra parte, l’immunità acquisita naturalmente sembra essere più forte dell’immunità acquisita con il vaccino e i pericoli dei vaccini stessi , specialmente per i giovani , suggeriscono che i rischi della vaccinazione superano di gran lunga i benefici.

Se i vaccinati ora contraggono facilmente il virus ma hanno solo reazioni lievi perché il loro sistema immunitario sta dicendo loro di tollerarlo, questo potrebbe essere stato un vantaggio per la vaccinazione.
Ma le iniezioni di richiamo non sono mai state necessarie per produrre tolleranza: lo studio ha mostrato che i soggetti hanno iniziato a sviluppare tolleranza dopo solo due dosi. I vaccini potrebbero aver contribuito a desensibilizzare la popolazione alle risposte immunitarie infiammatorie dannose a COVID-19. 
Hanno fatto la loro parte. Non è necessario continuare con booster successivi.

5 argomenti etici contro i booster obbligatori

Sebbene raramente riportati dai media mainstream, i richiami del vaccino COVID-19 hanno generato molte polemiche.
Mentre alcuni paesi stanno risarcendo silenziosamente le persone per le lesioni devastanti da vaccino e altri paesi stanno limitando le raccomandazioni sul vaccino COVID-19 , gli Stati Uniti ora raccomandano  che i bambini di età pari o superiore a 12 anni ricevano il booster specifico di Omicron di Pfizer-BioNTech e i giovani adulti di età superiore ai 18 anni ricevano lo scatto aggiornato di Moderna.
Allo stesso tempo, le autorità sanitarie pubbliche canadesi suggeriscono che i canadesi avranno bisogno dei vaccini COVID-19 ogni 90 giorni.

In uno sfondo di raccomandazioni di salute pubblica confuse e spesso mutevoli e di  affaticamento del richiamo , gli autori di questo nuovo articolo sostengono che i mandati di richiamo universitario non sono etici. Danno cinque ragioni specifiche per questa affermazione audace:

1) Mancanza di trasparenza nell’elaborazione delle politiche. Gli scienziati hanno sottolineato che per i giovani adulti non esiste un’analisi rischio-beneficio formale e scientificamente rigorosa sull’utilità dei booster nella prevenzione di infezioni gravi e ricoveri in ospedale.

2) Danno previsto. Uno sguardo ai dati attualmente disponibili mostra che i richiami si tradurranno in quello che gli autori chiamano un “danno atteso netto” per i giovani. Questo danno atteso supererà il potenziale beneficio dei booster.

3) Mancanza di efficacia. I vaccini non hanno efficacemente impedito la trasmissione del COVID-19. Dato il loro scarso funzionamento – gli autori chiamano questa “efficacia modesta e transitoria” – i danni previsti causati dai booster probabilmente superano qualsiasi beneficio per la salute pubblica.

4) Nessun ricorso per i giovani adulti danneggiati dal vaccino. Forzare la vaccinazione come prerequisito per frequentare il college è particolarmente problematico, perché i giovani feriti da questi vaccini probabilmente non saranno in grado di ricevere un risarcimento per queste lesioni.

5) Danno alla società. Gli obblighi vaccinali, hanno insistito gli autori, emarginano i giovani adulti non vaccinati, escludendoli dall’istruzione e dalle opportunità di lavoro universitario. La vaccinazione forzata comporta “gravi violazioni della libera scelta dell’occupazione e della libertà di associazione”, hanno scritto gli scienziati, soprattutto quando “i mandati non sono supportati da una giustificazione convincente di salute pubblica”.

Le conseguenze della non conformità includono, tra le altre cose, l’annullamento dell’iscrizione, la perdita dei privilegi di Internet, la perdita dell’accesso alla palestra e ad altre strutture sportive e l’espulsione dagli alloggi del campus. 
Questi approcci punitivi, secondo gli autori, hanno provocato stress psicosociale non necessario, danni alla reputazione, perdita di reddito e paura di essere espulsi, solo per citarne alcuni.

Non è difficile quindi capire il progetto politico (e tutt’altro che scientifico), che sta dietro alla questione COVID e a tutte le sue orribili conseguenze.
Il vaccino porta al suo interno una sola parola d’ordine: “SORVEGLIANZA


FONTI:

THE EPOCH TIME: Articoli di JENNIFER MARGULIS e JOE WANG
“I VACCINI AIUTANO LA FIFFUSIONE DI OMICRON”
“FINO A 98 VOLTE PEGGIO DELLA MALATTIA”

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

3,580FollowerSegui
20,300IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Latest Articles