8.8 C
Rome
lunedì, Novembre 28, 2022

Buy now

Ex presidente di Greenpeace

Ex presidente di Greenpeace: “Il cambiamento climatico è spaventare le persone per controllarle e fare soldi”

Patrick Albert Moore, ex presidente di Greenpeace: “Quando il cambiamento climatico è apparso per la prima volta come un problema, mi sono reso conto che eravamo stati ingannati e che erano soldi . questi soldi sono fatti per creare storie che spaventeranno le persone”

Nato a Port Alice il 15 giugno 1947, Patrick Albert Moore è cresciuto nella terra dei Kwakwaka’wakw (Kwakiutl) ed è cresciuto all’interno di una famiglia di taglialegna nella riserva indiana numero uno di Quatsino a Winter Harbour, nell’isola di Vancouver, che conoscevano come Klayina. Moore è diventato un membro fondatore di Greenpeace nel 1971 mentre scriveva la sua tesi sull’ecologia dell’estrazione del rame in BC. Ha servito come uno dei suoi leader per 15 anni, servendo come presidente dal 1977 al 1979. Ha navigato a bordo della prima nave di Greenpeace per protestare contro l’esplosione di Amchitka del 1971. Successivamente ha scritto due libri per esprimere la sua alienazione dal movimento di Greenpeace, sostenendo che l’organizzazione non ha adottato un approccio all’ambiente sufficientemente orientato alla scienza.

All’inizio di Greenpeace avevamo un forte orientamento umanitario, per salvare la civiltà dalla distruzione della guerra nucleare totale. Negli anni la “pace”; a Greenpeace è andata via via perduta e la mia organizzazione, insieme a gran parte del movimento ambientalista, è derivata dalla convinzione che gli esseri umani siano i nemici della terra. Credo in un ambientalismo umanitario perché siamo parte della natura, non separati da essa. Il primo principio dell’ecologia è che noi fanno tutti parte dello stesso ecosistema.

“A metà degli anni ’80 mi sono ritrovato l’unico direttore di Greenpeace International con un’istruzione formale in scienze. I miei colleghi direttori hanno proposto una campagna per “vietare il cloro in tutto il mondo”;, chiamandola “L’elemento del diavolo”. Ho sottolineato che il cloro è uno degli elementi della Tavola Periodica, uno degli elementi costitutivi dell’Universo e l’11° elemento più comune nella crosta terrestre.Ho sostenuto che il cloro è l’elemento più importante per la salute pubblica e la medicina. Aggiungere cloro all’acqua potabile è stato il più grande progresso nella storia della salute pubblica e la maggior parte delle nostre medicine sintetiche si basano sulla chimica del cloro. Questo è caduto nel vuoto e per me questa è stata l’ultima goccia. Ho dovuto andarmene.

“Quando ho lasciato Greenpeace ho promesso di sviluppare una politica ambientale basata su scienza e logica piuttosto che su sensazionalismo, disinformazione, antiumanesimo e paura”.

Servitù volontaria attraverso la paura

“Tutto quello che i leader devono fare è dire alla gente che hanno qualcosa da temere. Indica la fonte della loro paura e puoi convincere gli umani a fare tutto ciò che desideri. Puoi renderli obbedienti.

Marketing della vergogna

“Anche nei paesi con i regimi di blocco più severi, come la Francia, le autorità sanitarie hanno insistito per trascorrere un po ‘di tempo all’aperto ogni giorno. Ciò creerà legami più profondi e personali a livello individuale con gli elementi “macro” che abbiamo menzionato in precedenza per quanto riguarda la conservazione dei nostri ecosistemi e la necessità di produrre e consumare in modo rispettoso dell’ambiente. »
Covid-19: il grande reset, Klaus Schwab, Thierry Malleret, World Economic Forum 2020

La responsabilità è la figura moderna della vergogna. L’idea del shame marketing è quella di evidenziare un cosiddetto “problema”. Si tratta di creare ansie, paure e vergogne (e non più un bisogno) fornendo una soluzione. Il bisogno sorgerà di se stesso nella testa del consumatore! Sempre più marchi stanno investendo in questo discorso di colpa. Ci incoraggiano ad essere responsabili in ogni atto di consumo quotidiano.

L’uso del senso di colpa si sta moltiplicando altrettanto nelle campagne di prevenzione (campagna di sicurezza stradale 2014 “Troppo velocemente, troppo tardi. Ci dispiace solo guidare troppo velocemente quando è troppo tardi“) o di salute pubblica (“Per la tua salute, evita di mangiare troppo grasso, troppo dolce, troppo salato”) ma anche per pubblicità di prodotti (“divertirsi senza cattiva coscienza” con la Honda CR-Z Hybrid).

Marketing ecologico

Un esempio: le bottiglie non sono più restituibili. Puoi sempre digitare “bottiglie a rendere” sul Service-Public.fr: nessun risultato. Non hai nulla a che fare con questo se non vengono ripresi dai negozi, ma se li butti via, è colpa tua. Mette a rischio il pianeta. D’altra parte, se si digita l’ordinamento selettivo, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Il Ministero dell’Ecologia spiega tutto in dettaglio: “Ad esempio, la scatola di imballaggio della scatola di biscotti deve essere separata dal vassoio di plastica o dalla pellicola, prima di essere gettata nel cestino di raccolta”. I rifiuti di vetro devono generalmente essere depositati in punti di raccolta volontaria specifici per loro. Noterete che le bellissime bottiglie accuratamente svuotate dagli amanti del buon vino, sono già qualificate come “rifiuti”.

Segui i soldi

Se selezioni le bottiglie (cioè se le rompi) in un bidone speciale, va bene, sei eco-responsabile. Per inciso, l’industria del vetro prospererà. O-I FRANCE è il principale produttore di bottiglie in Europa e domina il mercato francese. Il suo fatturato 2021 è stato vicino a 800 milioni di euro. La sua società madre (azionisti di maggioranza: Fidelity e Vanguard) ha realizzato un profitto di $ 6,4 miliardi nel 2021. Secondo un sondaggio globale del 2014 del gruppo di marketing Nielsen sulla responsabilità sociale d’impresa, il 52% dei consumatori in tutto il mondo sarebbe disposto a pagare di più per i prodotti realizzati da aziende con impegni ambientali e sociali. Attualmente, la bolletta energetica della vetreria Puy-Guillaume rappresenta il 20% dei costi fissi. È eco-responsabile?

Sul versante plastico, dopo aver distrutto le piccole imprese dove si poteva fare la spesa con un cestino, il governo favorevole ai supermercati sta riscattando una morale vietando cetrioli sotto cellophane, pere in vassoi, zucchine in sacchetti di plastica. Tutto il resto può rimanere imballato (specialmente in McDo Drives).

Fonti riportate da QUI e QUI

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

3,580FollowerSegui
20,300IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Latest Articles