- Pubblicità -
Home ChildresQue Allarmi Siria: Il traffico di organi si trasforma in trend di mercato

Siria: Il traffico di organi si trasforma in trend di mercato

0
151
Siria: Il traffico di organi si trasforma in trend di mercato
Gli organi dei bambini rapiti utilizzati per trapianti, per la produzione di cosmetici e prodotti farmaceutici ad alto prezzo. ©AdobeStock/doidam10
- Pubblicità -

Gli organi dei bambini rapiti utilizzati per trapianti, per la produzione di cosmetici e prodotti farmaceutici ad alto prezzo

- Pubblicità -

Attraverso intermediari che operano in Siria e nei paesi di asilo, le bande di trafficanti di esseri umani approfittano della crisi economica e del deterioramento delle condizioni di vita dei siriani per ricattare i più vulnerabili e commerciare i loro organi umani, come reni, testicoli e cornea dell’occhio, alimentando il  mercato nero, con metodi fraudolenti che possono costare la vita alla vittima. Questo traffico spazia tra la decisione di un singolo individuo che decide di vendere un proprio organo per allevare i figli fino allo smembramento dei bimbi per il traffico dei loro organi.

Quello che è noto come “turismo del traffico di organi” è emerso grazie alla fragile situazione economica in Siria che ha reso visibili i “donatori”  che offrono i propri organi a costi irrisori ai pazienti che hanno bisogno di trapianto per ragioni puramente economiche.

Enab Baladi ha monitorato diversi casi di persone che hanno venduto i loro reni o che hanno offerto in vendita parti del loro corpo. Alcune hanno accettato di pubblicare la loro storia, senza menzionare i loro nomi, mentre altre si sono rifiutate di collaborare e pubblicare.

Morte lenta per garantire il futuro dei figli

Salem (pseudonimo), 37 anni, ha venduto il suo rene nel novembre 2021 e ora offre in vendita il lobo del suo fegato su una pagina Facebook specializzata nella vendita di organi.

Ha detto a Enab Baladi: “La situazione di vita a Damasco è molto difficile, non c’è lavoro e in inverno le cose peggiorano”. Ha continuato: “Metà del popolo siriano vuole donare”, intendendo vendere.

“Non ho problemi a morire se posso garantire il futuro dei miei figli. Muoio di mille morti al giorno perché non posso soddisfare le loro richieste”, aggiunge.

Salem lavora nel campo degli impianti elettrici e idraulici, ma è rimasto senza lavoro per molto tempo.

“Non riesco ad assicurarmi una pagnotta perché i salari sono bassi. Lavoravo in un negozio per una paga giornaliera di diecimila sterline siriane, ma oggi la famiglia di Damasco ha bisogno di 150mila sterline, tra cucina e spese domestiche, come minimo”, ha stimato.

“Non ho problemi a vendere tutte le parti del mio corpo in modo che i miei figli non muoiano di fame. Salem, l’uomo che ha venduto il suo rene e voleva vendere il lobo del suo fegato, ma è stato truffato. “

Un mediatore ha contattato Salem dopo aver visto la sua offerta di donazione del rene su Facebook. Le due parti hanno concordato il prezzo, sono state effettuate le analisi necessarie, e Salem è andato in tribunale per firmare la rinuncia al suo rene, poi l’operazione è stata eseguita presso l’ospedale universitario al-Assad.

Salem ha ricevuto 37 milioni di SYP (circa 9000$) per il suo rene soffre ancora per l’operazione.

Il prezzo del rene che Salem ha ricevuto è andato principalmente a broker che lo hanno ingannato con il pretesto di mandarlo fuori dalla Siria per vendere il suo lobo del fegato dopo aver venduto il suo rene.

“Hanno chiesto soldi per analisi ed esami, approvazioni ospedaliere e apertura di una cartella clinica, e in seguito si è scoperto che tutto questo era una bugia e una frode”, ha detto a Enab Baladi.

Segreto ufficiale e dito puntato contro i “terroristi”

In una ricerca condotta da Enab Baladi sulle piattaforme digitali del Ministero dell’Interno, il tema del traffico di organi viene citato solo in una notizia, nel 2020. Il Ministero affermava che le unità dell’esercito, in collaborazione con la popolazione locale, aveva trovato un gran numero di organi umani conservati con cloroformio all’interno di una delle “tane dei terroristi” nel villaggio di al-Ghadfa nella regione di Maarat al-Numan, a sud di Idlib.

L’agenzia di stampa ufficiale siriana (SANA) ha dichiarato all’epoca che “un medico ha trasformato una casa nel villaggio di al-Ghadfa, a est di Maarat al-Numan, in un primitivo laboratorio medico, dove l’esercito ha trovato un gran numero di pacchi trasparenti contenenti organi umani, tra cui testa, occhi, cuori, polmoni, fegato, reni e altri visceri conservati nel liquido di cloroformio.”

In un’intervista del 2016 con l’agenzia russa Sputnik, il direttore generale dell’Autorità di medicina legale in Siria, Hussein Nofal, ha affermato che il mercato nero per la vendita di organi siriani in tutto il mondo ha contato 15.000 siriani negli ultimi sei anni.

Nofal ha parlato all’epoca di documenti che confermavano che dall’inizio del 2011 erano state effettuate più di 25.000 operazioni di prelievo di organi.

Ma ha precisato inoltre che queste operazioni si stanno svolgendo soprattutto in zone di confine lontane dal controllo statale, in aggiunta alle operazioni che sono state condotte nei campi profughi dei Paesi limitrofi.

“L’occultamento del commercio di organi ha portato alla cancellazione di un rapporto investigativo pubblicato nel quotidiano statale al-Baath (il portavoce del partito al governo) sulla questione nell’ottobre 2020. L’inchiesta cancellata ha documentato come il processo di ottenimento degli organi siriani sia diventato più facile ed conveniente, con le pessime condizioni economiche e l’alto tasso di disoccupazione, addossandosi la responsabilità della vendita degli organi a quelle che chiamava “mafie” e organizzazioni mediche e non.”

Questa segretezza e censura vengono eluse da dichiarazioni che confermano indirettamente la diffusione del fenomeno.

Hussein Nofal, nel 2020, che all’epoca divenne capo onorario della medicina legale, ha chiesto l’istituzione di una banca gratuita per gli organi umani in Siria simile a quelle europee per  contrastare il mercato nero.

Soluzione che riguarderebbe fegato, reni, pancreas, cellule staminali e prevedrebbe anche la banca del sangue.

Ha spiegato che le pessime condizioni di vita spingono alcuni a vendere i propri organi per denaro, e ha chiesto che la Procura della Repubblica venga informata non appena saranno pubblicati annunci in merito al fine di prendere le misure necessarie contro i trafficanti.

Nofal ha giustificato l’assenza di statistiche precise sul fenomeno come reato illecito, che sostanzialmente non viene dichiarato, ma il Dipartimento Antitratta può monitorare le pagine Facebook e perseguire i trafficanti di organi.

Secondo il sito web ” HunaSotak“, il pubblico ministero della campagna di Damasco, Ahmed al-Sayed, ha affermato che il tasso di denunce può anche fornire un’indicazione dell’entità della diffusione.

Più di 20 denunce relative al commercio di organi umani sono pervenute al tribunale di Damasco tra marzo 2011 e settembre 2015 e tali denunce non sono pervenute al tribunale prima dell’inizio del conflitto siriano.

Queste denunce includevano i nomi dei criminali, così come i nomi di diversi medici e ospedali, fatte principalmente da parenti di coloro che sono morti nel commercio. Al-Sayed ha affermato che è molto difficile, o addirittura impossibile, che queste persone vengano deferite ai tribunali, data la difficoltà di rintracciarle nel caos del Paese.

Turismo dei trapianti

In molti casi, i pazienti si recano in paesi come l’India e l’Egitto per il trapianto di organi grazie alla disponibilità e alle molte opzioni a prezzi convenienti, tutto facilitato dalla presenza di reti e intermediari che facilitano il processo. Da anni la Siria è diventata meta di pazienti per gli stessi motivi.

La 50enne Umm Ayman (pseudonimo) soffre da anni di insufficienza renale, e necessita di un trapianto di rene sostitutivo; tuttavia, non è riuscita a trovare un donatore nella sua famiglia.

Umm Ayman, residente in Arabia Saudita, ha detto a Enab Baladi che la sua salute è peggiorata negli ultimi anni e che ha cercato di sottoporsi a un trapianto di rene ma non ha potuto farlo a causa delle complicate procedure e dell’alto costo.

Ho cercato con la mia famiglia soluzioni e, dopo la domanda e l’inchiesta, ci è stato consigliato di andare a Damasco perché lì i costi finanziari sono minori grazie al gran numero di offerte e alla facilità di comunicazione con le persone che organizzano tutto, dal trovare un donatore in cambio di denaro per organizzare l’operazione negli ospedali in breve tempo.

Umm Ayman racconta la sua storia di essere andata a Damasco per avere un rene.

Umm Ayman si è recata a Damasco all’inizio del 2022, dove ha incontrato medici e broker che le hanno promesso un trapianto di rene in breve tempo. Dopo aver trovato un donatore compatibile in cambio di denaro sta ancora aspettando in Arabia Saudita con speranza.

Per quanto riguarda il commercio e il turismo dei trapianti, la Dichiarazione di Istanbul del 2008 sul traffico di organi ha affermato che l’importante e positivo sviluppo del trapianto di organi è stato viziato da alcuni abusi e dal ricevimento di alcune segnalazioni sul commercio di organi, lo sfruttamento delle persone donatrici e la pratica del turismo dei trapianti di organi, che fa affidamento sul viaggio di pazienti benestanti per acquistare organi da donatori poveri.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha chiesto nel 2004 la necessità di adottare le misure necessarie per proteggere le persone povere e vulnerabili dal turismo dei trapianti di organi e dalla loro vendita. Ha richiesto che l’attenzione su questo fenomeno sia livello globale e che venga interrotta la pratica del commercio di organi e tessuti umani.

La Siria è “più economica”

Il Presidente Onorario di Medicina Legale in Siria, Hussein Nofal, ha stimato il prezzo di vendita di un singolo rene nei paesi dell’UE tra i 50.000 e i 70.000 dollari USA, e maggiore è l’offerta, minore è il prezzo, considerando che i prezzi scendono in paesi come la Siria.

Ha anche spiegato che molti libanesi preferiscono eseguire un regolare trapianto di rene negli ospedali del governo siriano, in quanto il costo è da cinque a dieci volte inferiore, mentre negli ospedali libanesi oscilla tra i 10.000 e i 15.000 dollari USA, e presso l’Università americana, potrebbe raggiungere i 50.000 dollari USA senza il prezzo del rene.

Perché le persone vendono i loro organi?

Secondo il Dottor Daawa al-Ahdab, psicologo sociale, la situazione economica e la povertà estrema sono il motivo che alimenta il mercato illegale degli organi.

Il Dottore fa una serie di considerazioni in merito:

La donazione di un organo a un membro della famiglia rafforza le relazioni sociali all’interno della famiglia stessa ed è considerata un atto morale nobile. Tuttavia, la vendita di un organo del corpo per un bisogno finanziario riflette l’entità del deterioramento economico che la Siria sta attraversando.

Nel caso del donatore costui si sente orgoglioso della propria parte del corpo perché è frutto di donazione e generosità, ma in caso di vendita per soddisfare le esigenze della famiglia e dei figli, il donatore attenderà la restituzione del favore.

Ma se il donatore non trova l’apprezzamento che si aspetta, entra in uno stato di depressione, e alcuni diventano ansiosi perché pensano che in seguito dovranno vendere un’altra parte del loro corpo.

Ci sono casi di depressione e disturbi psicologici anche quando i donatori non raggiungono lo scopo per cui hanno venduto i loro organi e credono di aver preso una decisione sciocca. Potrebbero anche non trovare sostegno nella società che potrebbe considerarli indegni per aver venduto una parte del proprio corpo, e quindi esporli alla colpa e alla mancanza di sostegno.

Traffico di organi a norma di legge

La legge siriana consente la donazione di organi a condizione che non vi sia vendita e guadagno materiale e morale, e consente l’esecuzione di trapianti di organi, a condizione che il medico sia abilitato all’esercizio della professione e che il suo lavoro risponda ai principi della medicina professionale.

La legge considera la tratta di esseri umani un reato, L’avvocato Mahmoud Hamam, ha detto a EnabBaladi che lo scopo dell’operazione dovrebbe essere il trattamento, ed è richiesto il consenso del paziente o del suo rappresentante legale, a meno che non sia necessario.

Secondo il Decreto Legislativo n. 3 del 2010, la tratta di esseri umani comporta diversi reati, a partire dall’adescamento, trasporto, sequestro, deportazione, ospitalità o accoglienza di persone, al fine di utilizzarle per affari o fini illeciti, in cambio di vantaggi materiali o morali o per una promessa o concedendo vantaggi o cercando di ottenerli.

L’avvocato ha sottolineato che la legge n. 3 includeva tutti i casi relativi alla tratta di esseri umani e che la descrizione criminale in essa contenuta non cambia a seconda dei diversi metodi(minaccia, uso della forza, persuasione o sfruttamento dell’ignoranza, debolezza, frode o sfruttamento della posizione o collusione) e menziona tutti i mezzi per commettere tale atto, anche se effettuata con il consenso della vittima, ed è punita con la reclusione temporanea per un periodo non inferiore a sette anni e una multa.

Hamam ha anche chiarito che la legge criminalizza l’asportazione di un organo sano dal corpo in cambio di denaro e la considera tratta di esseri umani, anche se c’è il consenso della vittima , con l’eccezione della donazione di organi se c’è il consenso del donatore, con l’intenzione di beneficenza.

L’avvocato ha sottolineato che la legge in Siria viene applicata solo in casi rari ed eccezionali perché il decreto è stato accolto solo per pressione internazionale.

 

Promozione online

Le pubblicazioni siriane relative alla vendita di organi umani sulle piattaforme dei social media indicano l’entità della perdita di speranza e disperazione per il miglioramento delle loro condizioni di vita in Siria o nei paesi vicini.

Gli annunci per la richiesta di organi sparsi per le strade e le operazioni di trapianto di organi negli ospedali governativi e privati, insieme a una rinuncia nominale dell’organo donato, confermano la fragilità della legge siriana e la sua supervisione.

Alcuni trovano in questo un riferimento a bande organizzate, trascurate dalle autorità competenti, che solleva molte domande e dubbi sul ruolo del governo siriano in questo commercio.

Per quanto riguarda l’uso dei social media per promuovere il traffico di organi, l’avvocato Hamam ha sottolineato che è considerato uno dei mezzi per commettere il reato di traffico di esseri umani ed è punibile dalla legge.

L’orrore: la vendita e lo sfruttamento sessuale dei bambini nelle aree di conflitto

In questo contesto cercheremo di accendere i riflettori su un argomento che riguarda tutti ma che pochi o nessuno tratta: il traffico di bambini a scopo sessuale, d’adozione e vendita di organi.


In un rapporto del 2019 dell’UNHCHR (United Nations Human Rights), viene esposto in parte l’orrore di ció che accade in un “Mondo” del quale pochi ne conoscono la dura realtà.
Secondo le statistiche delle Nazioni Unite, il traffico di bambini supera i tre milioni di casi all’anno, ed alimenta la tratta degli schiavi, sia che vengano utilizzati per adozione, lavoro forzato, sfruttamento fisico, il traffico di organi umani o lo sfruttamento sessuale in alcuni Paesi. Le statistiche indicano anche che le reti di trafficanti di organi umani uccidono migliaia di bambini ogni anno, sia con omicidi premeditati che con interventi chirurgici per l’asportazione di alcuni organi.

Le organizzazioni internazionali confermano che dietro a questo crimine ci sono bande internazionali che realizzano ingenti profitti, stimati in miliardi di dollari all’anno. Gli organi umani dei bambini rapiti vengono utilizzati per il trapianto di vari organi, mentre i resti e alcuni altri organi vengono venduti alle aziende farmaceutiche che li utilizzano per la produzione di cosmetici e prodotti farmaceutici ad alto prezzo.

Gli indicatori internazionali hanno confermato che più di 150 Paesi sono coinvolti nel traffico di esseri umani, con 27 milioni di persone uccise in tutto il mondo, e che il commercio, stimato tra i 152 e i 228 milioni di dollari, fluisce ogni anno. Uno studio della Società per i diritti dell’infanzia delle Nazioni Unite conferma che negli ultimi 10 anni 20 milioni di bambini sono stati venduti a livello globale a causa delle condizioni di vita difficili.

Questo fenomeno, purtroppo si è diffuso anche nella regione araba, soprattutto nei Paesi che vivono conflitti armati e guerre civili come Yemen, Siria e Iraq.

In primo luogo, i fattori che portano alla vendita e allo sfruttamento sessuale dei minori

Non c’è dubbio che l’impatto devastante delle situazioni di conflitto armato sia particolarmente grave sui bambini. Le famiglie vengono disperse e i bambini rimangono orfani, vengono reclutati e subiscono la morte o le ferite. I bambini sono i più colpiti dal flagello della guerra, poiché dipendono da altri per il loro mantenimento. È difficile valutare l’impatto che la guerra può avere sullo sviluppo psicologico e fisico dei bambini che hanno vissuto situazioni di conflitto armato. I conflitti armati hanno anche un impatto negativo sulle condizioni economiche e sociali, che potrebbe essere una delle cause principali della vendita e dello sfruttamento sessuale dei bambini.

I conflitti armati e il loro impatto sulla vendita e sullo sfruttamento sessuale dei bambini

Le crisi vissute dagli Stati, soprattutto quelle legate ai conflitti armati, contribuiscono ad aggravare una serie di fenomeni e problemi sociali, economici e psicologici per i cittadini in generale e per i bambini in particolare. I bambini sono stati i più colpiti da questa crisi a tutti i livelli.

Non c’è limite alle fonti di reddito che la guerra in Siria fornisce ai vari rami della mafia. Il contrabbando di armi e profughi in Europa è da tempo una fonte ben nota e diffusa. Un’altra fonte “umanitaria” è l’acquisizione di donne fatte prigioniere dall’ISIS, per le quali uomini generosi a volte sono disposti a pagare 20.000 dollari per donna, finanziando così le operazioni dell’organizzazione.

Ma un ramo particolarmente sconvolgente è il commercio di bambini e organi.In Siria, diversi rapporti hanno richiamato l’attenzione sul coinvolgimento di molte parti nella rivitalizzazione del mercato della vendita di organi e del traffico di bambini. Il traffico di organi tra i siriani in fuga dalle zone di conflitto è molto diffuso, in quanto i rifugiati sfollati sono costretti a vendere i propri organi. L’ISIL ha venduto neonati siriani dopo averli contrabbandati in Turchia e a una mafia israeliana che li ha venduti a persone sterili.

I bambini vengono venduti anche trasferendo le donne incinte in Libano e fornendo loro condizioni confortevoli per il parto, per poi vendere i nascituri ad altre famiglie. A causa della guerra in Siria negli ultimi anni sono aumentati gli episodi di stupro di donne e di gravidanze illegali. Le parti coinvolte spingono queste donne ad abortire il feto due mesi dopo la gravidanza per venderne gli organi.

I rapporti sui diritti umani hanno rivelato che i principali Paesi in cui questi bambini vengono venduti sono la Turchia, la Siria e alcuni Paesi europei, tra cui Svizzera, Irlanda, Gran Bretagna e Svezia. Le bande di trafficanti di bambini utilizzano anche intermediari che fingono di lavorare per le ONG.

Negoziano con le famiglie dei bambini, preparano i documenti necessari, come i certificati di nascita, cambiano i nomi dei bambini e li aggiungono ai passaporti degli intermediari o di qualsiasi altra persona che è stata pagata per portarli fuori dall’Iraq verso la Siria. I bambini vengono poi trasferiti in Europa o in altri Paesi del Medio Oriente. In molti casi, alcune famiglie sfollate sono state costrette a vendere i propri figli a causa dell’estrema povertà e della fame, in particolare molte di loro non hanno avuto il prezzo del latte per i propri neonati. Alcune di queste famiglie hanno fatto ricorso alla vendita dei propri figli per il desiderio di trovare famiglie che si prendessero cura dei loro bambini in un’atmosfera favorevole, dopo aver raggiunto i massimi livelli di povertà a seguito dello sfollamento dalle loro aree. 

liberamente tradotto e completato da enabbaladi.net


Stai sempre aggiornato seguici qui su TRU3R3PORT/CHILDRESQUE e su ChildResQue Italia Channel, aiutaci a accendere piú riflettori possibili su queste orrende realtá, condividendo.

- Pubblicità -

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui