8.8 C
Rome
lunedì, Novembre 28, 2022

Buy now

Donald Trump non può essere fermato

Il pubblico potrebbe avere l’impressione fittizia che una faida, istigata dall’ex presidente Donald J. Trump, sia scoppiata spontaneamente tra lui e il governatore Ron DeSantis la scorsa settimana. Tuttavia, gli operatori politici collegati a una delle campagne con sede in Florida ti diranno che non è così.

Per oltre un anno, campagne furtive per la presidenza sono in corso perpetrate da almeno quattro uomini; Trump, l’ex vicepresidente Mike Pence, l’ex segretario di Stato Mike Pompeo e DeSantis.

Queste pre-campagne iniziano con la consultazione dei coniugi per ottenere il buy-in, o in alcuni casi è il coniuge che incita il candidato. Poi inizia il corteggiamento dei megadonatori.

Tutti i candidati presidenziali hanno bisogno di un capitolo di spesa indipendente per assumere personale familiare e dirigere milioni di dollari in spese per loro conto. Ai consulenti e agli operatori viene detto di non accettare posti di lavoro permanenti perché i loro servizi saranno necessari all’inizio del ciclo delle primarie presidenziali.

Tutto ciò è diventato di dominio pubblico quando il comitato di azione politica Save America di Trump ha programmato una manifestazione a Miami per sostenere il senatore Marco Rubio. L’assenza del governatore sembrò quasi confermare l’intrigo di palazzo di una faida tra i due. Ore dopo, dopo che un agente di DeSantis fece trapelare a “Politico” che non erano stati invitati o avvisati in anticipo, la loro squadra ha programmato una manifestazione che si sarebbe svolta in quella stessa data, dall’altra parte dello stato.

Più di una settimana dopo, in Pennsylvania, e solo un giorno prima del raduno nel sud della Florida, Trump, leggendo i risultati dei sondaggi di vari potenziali contendenti, ha amalgamato il cognome del governatore in “De Sanctimonious”.

I media si sono gettati in una frenesia, come probabilmente intendeva il presidente. I commentatori allineati ai repubblicani che rimangono su Twitter, più moderati o meno fedeli al trumpismo, hanno iniziato a denunciare Trump, alcuni addirittura approvando la campagna furtiva di DeSantis che si diceva non esistesse. Molti hanno dichiarato Trump troppo poco esperto per vincere una futura elezione primaria. Nessuno di loro ricordava pero’ che nel 2016 l’uomo d’affari roboante ha eliminato 17 sfidanti – probabilmente la panchina più talentuosa del GOP di sempre.

Ma al comizio di Miami, il presidente ha incoraggiato i repubblicani a presentarsi e rieleggere il governatore. E lo ha fatto di nuovo nella sua ultima tappa prima del giorno delle elezioni, in Ohio con gli occhi della nazione che si chiedevano se avrebbe annunciato ufficialmente la sua terza candidatura alla Casa Bianca.

Come nel 2015 e nel 2016, nessuno ha distolto lo sguardo dal teatro sempre crescente di Trump; proprio come il comunicatore vivente più efficace progettato.

Al momento non c’è un solo sondaggio delle primarie presidenziali – sondaggi da cui DeSantis potrebbe rinunciare se non fosse già in corsa per la presidenza – che mostri il governatore con anche solo la metà del sostegno di Trump. Anche in un campo affollato, Trump guadagna una supermaggioranza di intervistati.

De Santis è stato intelligente a non rispondere a nessun insulto o contrasto. Ma lo stesso non si può dire per i suoi donatori miliardari e gli operatori politici che si sono precipitati sulla stampa liberale.

l donatore politico miliardario di hedge fund Ken Griffin vuole che il GOP “vada oltre” Trump e nomini De Santis. Questo ha un nesso familiare. Nel 2016, Griffin ha sostenuto Marco Rubio, che era in una posizione simile per essere soprannominato il futuro del partito, amato dagli editorialisti delle riviste conservatrici e pieno di fondi dei megadonatori. Ma Rubio era stato contaminato dagli elettori repubblicani a causa del suo ruolo nella legge sull’immigrazione della Gang of Eight prima della sua candidatura presidenziale.

L’astro nascente e beniamino del partito è caduto duramente alle battute beffarde di Trump. Rubio ha tentato di guadagnare voti prendendo la strada maestra prima di soccombere ai tentativi di battute simili che hanno portato solo al crollo totale della sua candidatura e all’uscita dalla corsa.

Griffin, che ha donato $ 500.000 all’inaugurazione di Joe Biden e ha una storia di donazioni ai candidati di entrambi i partiti, ha per lo più posizioni di centro-sinistra. Tuttavia, ha speso $ 100 milioni in questo ciclo di medio termine per finanziare i repubblicani, oltre a $ 10 milioni a beneficio di De Santis e del Partito Repubblicano della Florida, dove peraltro ha costruito la sua nuova casa.

De Santis ha più di $ 90 milioni dei $ 200 milioni che ha raccolto ancora depositati in banca dopo la sua rielezione di successo. Sembra che Trump possa ancora avere a disposizione meno di $ 69 milioni dei $ 161 milioni che ha raccolto in questo ciclo.

Mentre la “cassa di guerra” di De Santis, che è impressionante, è alimentata dai ricchi, i miliardari possono esprimere solo un voto. Trump, per contro, è per lo più alimentato dalle donazioni online dei suoi sostenitori di base, che sono molti di piu dei pochi miliardari che finanziano il De Santis. Ma ancora di più, Trump ha battuto un campo affollato di contendenti alle primarie nel 2016 perché era immune agli effetti negativi della spesa politica che lo ha preso di mira. Trump è un’anomalia: un’eccezione alle regole della scienza politica.

Detto più chiaramente: il denaro non batterà Trump nelle primarie repubblicane. Non ha funzionato quando ha dovuto salire nei sondaggi, e certamente non funzionerà ora che la maggioranza dei repubblicani venera l’ex presidente.

L’ex consigliere di Trump Michael Caputo sottolinea che, nel 2016, Trump “ha speso la minor quantità di denaro di tutti i contendenti alle primarie competitive che ha battuto così male”. E lo ha fatto senza un super PAC o “papà dello zucchero” (la società di hedge fund di Griffin è entrata pesantemente nel commercio dello zucchero, da qui la denominazione di “papa dello zucchero”). Non può essere sopravvalutato abbastanza; Trump ha speso meno, non aveva grandi alleati all’esterno, e nessuno dei soldi spesi contro di lui ha sollevato i dubbi “negativi” con gli elettori repubblicani.

Quindi, con Trump, che ha essenzialmente il monopolio degli elettori delle primarie e la capacità di raccogliere fondi più o quasi quanto qualsiasi sfidante, e considerando che il denaro raccolto e’ così diffuso tra i suoi sostenitori da non avere alcun effetto sul suo sostegno con gli elettori, dove diavolo sono le primarie?

Anche il calendario (con Iowa, New Hampshire e Nevada in primis) e l’apparato del partito favoriscono la sua candidatura. Per non parlare della sua infrastruttura stato per stato.

Coloro che sono ansiosi di vedere le primarie tra Trump e De Santis immaginano che le narrazioni dei media giochino un ruolo più importante nelle elezioni rispetto alle campagne elettorali. Il contrasto tra i due sembra, sempre se opportunamente contestualizzato, in realtà favorire Trump.

I critici sottolineano la vittoria schiacciante di De Santis sull’ex governatore repubblicano moderato diventato deputato liberaldemocratico Charlie Crist. Crist non piace a tutti. I repubblicani non avrebbero cambiato casacca per lui, e lui non poteva ottenere tutti i voti dei democratici. In effetti, Crist ha ricevuto quasi1 milione di voti in meno rispetto a Andrew Gillumnel 2018!

E quella vittoria quasi “60/40” è stata replicata da Rubio e dagli altri quattro candidati repubblicani in tutto lo stato. Non c’è stata un’ondata di De Santis, ma un’ondata repubblicana con il governatore che meritava qualcosa di “dovuto”.

Trump ha ricevuto oltre 1 milione di voti in più nella sua rielezione del 2020 rispetto al 2016, spostando la Florida, per molti previsori, da uno stato viola a uno stato rosso.

C’è un altro punto di discussione!

Che dire di questo assioma “la qualità del candidato conta” e che i candidati pro-Trump hanno perso? I repubblicani hanno sotto performato su tutta la linea. Trump ha reclutato un candidato in una corsa, Herschel Walker, che è diretto al ballottaggio di dicembre. Candidati come Blake Masters e il dottor Mehmet Oz sono entrambi scappati dalle posizioni di Trump, come l’integrità elettorale, nelle elezioni generali. J.D. Vance in Ohio e Ted Budd in North Carolina hanno vinto solo perché Trump li ha appoggiati. I candidati pro-Trump hanno vinto in tutto il paese, centinaia di loro. Anche il New York Times si lamenta del fatto che 220 “negazionisti delle elezioni” sono entrati in carica.

Sia De Santis che Trump hanno appoggiato e tenuto eventi per Kari Lake nella corsa a governatore dell’Arizona. Lake ha appoggiato Trump per una candidatura del 2024.

Sia l’ex presidente che il governatore hanno appoggiato l’ex collega di De Santis, Lee Zeldin, che ha perso la sua candidatura a governatore di New York.

Al contrario della narrativa dei “candidati Trump”, De Santis ha appoggiato il candidato al Senato degli Stati Uniti del Colorado Joe O’Dea, un “Never Trumper”, che ha perso in un sorprendente rimprovero da parte degli elettori, “sottoperformando” il margine della sua media dei sondaggi “Real Clear Politics” di due volte. Nessun candidato sostenuto da Trump ha sottoperformato i sondaggi nella misura in cui lo ha fatto O’Dea sostenuto da De Santis.

Quindi, i candidati federali promossi esclusivamente da De Santis hanno fatto peggio.

Il sondaggio era sbagliato. Non c’è stata un’onda rossa, come avevo previsto suThe American Spectatorsettimane fa, nella previsione più accurata del ciclo elettorale.

Questo non era un problema di Trump. Non ha animato la sinistra abortista; non dirige i veri e propri comitati nazionali di partito; Trump ha fatto di più per raccogliere fondi di qualsiasi singolo privato cittadino nella storia americana.

Tutto questo è stato contestato per dire che le narrazioni dei risultati di medio termine spacciate dai critici di Trump, semplicemente non sono vere. Non che avrebbe resistito al meccanismo elettorale delineato in precedenza, se lo fosse, ma non lo è.

Se De Santis entra nella parte ufficiale delle primarie presidenziali, come Rubio nel 2016, potrebbe correre secondo nelle primarie repubblicane della Florida. È difficile immaginare una persona seria come De Santis che entra in una primaria molto poco seria contro il prossimo candidato repubblicano, il presidente Donald J. Trump.

Oppure, alcuni repubblicani sperano che Trump sia incriminato illegittimamente?

Perché questo sarebbe la fine del Partito Repubblicano e della repubblica.

RIPORTATO E TRADOTTO DA American Spectator

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

3,580FollowerSegui
20,300IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Latest Articles