7.2 C
Rome
lunedì, Novembre 28, 2022

Buy now

LAPTOP FROM HELL. Hunter Biden sotto scacco.

I contenuti dell’iCloud di Hunter Biden sono stati recentemente diffusi su Internet e rivelano ogni tipo di depravazione che coinvolge droghe, prostitute e comportamenti inappropriati verso i minori. Purtroppo, le notizie di questo tipo di comportamenti deviati da parte del “First Son” non sono una novità; Hunter affronterà pesantissime accuse penali, fra i quali reati federali di prostituzione, ma prima di passare ai dettagli dell’indagine di marcopolo.usa, vale la pena ricapitolare a grandi linee la vicenda per chi non la conoscesse.

Non è più un mistero che il padre di Hunter, il presidente Joe Biden, potrebbe essere coinvolto. Si dice che la mela non cade lontano dall’albero e questo sembra essere il caso di Joe e di suo figlio. Il livello di depravazione della famiglia Biden è il tipo di cosa che ci si aspetterebbe di vedere in una famiglia che abita roulotte trasandata, senza la minima morale.

Invece, proviene da una famiglia il cui patriarca risiede alla Casa Bianca. Se si considera la storia di cattiva condotta di Joe e Hunter, alcune delle azioni non etiche intraprese dall’amministrazione Biden, in particolare per quanto riguarda alcune nomine e politiche relative al traffico di frontiera, cominciano ad avere senso.

I contenuti dell’iCloud di Hunter sono stati divulgati inizialmente dagli hacker su 4chan, rivelando un comportamento più sordido di quello che ci si aspetterebbe di vedere in una versione tripla X del film “Una notte da leoni”. Sono andato su 4chan per vedere il contenuto integrale del Laptop, ma lo sconsiglio vivamente perché alcuni dei contenuti potrebbero contenere foto o video altamente impressionanti.Tuttavia, alcuni personaggi pubblici, hanno già in passato riportato ciò che era emerso dal contenuto.

Ci sono diversi rapporti, tra cui quello di Tucker Carlson, secondo cui Hunter aveva il numero di telefono di suo padre salvato come “Pedo Peter”.
Alcuni commentatori, hanno cercato di escludere che si riferisse al padre con quel nick, tuttavia cercando nel profondo, il NewYork Post ha riportato che Joe Biden utilizzava lo pseudonimo “Peter Henderson” per un account di posta elettronica.

Che Hunter si riferisca o meno a suo padre come Pedo Peter, il nuovo soprannome di Joe è diventato virale. Inutile dire che Pedo Peter è abbastanza appropriato perché il presidente ha una lunga storia oscura di comportamenti predatori nei confronti di donne e bambini. Diamo quindi un’occhiata al comportamento perverso di Joe nel corso degli anni prima di approfondire lo stile di vita peccaminoso di Hunter.

Da anni circolano sui social media video in cui Joe tocca in modo inappropriato donne e bambini. In alcuni casi, Joe palpeggia apertamente i bambini. Nel 2015, ad esempio, è diventato virale un video in cui Joe accarezza il seno della nipote di 8 anni del senatore Steve Daines, trasmesso su C-SPAN durante la cerimonia di giuramento.

Sei anni dopo, la vittima di Joe, Maria Piacesi, ha parlato pubblicamente e ha confermato che Joe le ha pizzicato un capezzolo, secondo il Gateway Pundit. Un altro vecchio video mostra Jeff Sessions che spinge via la mano di Joe mentre cerca di toccare sua nipote. I media sono rimasti estremamente silenziosi sulla questione; tuttavia, nel 2015 Gawker ha pubblicato un articolo che descriveva l’inquietante tendenza di Joe a palpeggiare donne e bambini. Questo comportamento predatorio è continuato da quando Joe è diventato presidente.

Ashley Biden, figlia di Joe, ha scritto nel suo diario che Joe era solito fare docce inappropriate con lei quando era bambina. “Ricordo di aver fatto sesso con amici in giovane età; docce con mio padre (probabilmente inappropriate)” e ne ha scritto in un articolo datato luglio 2019. Nel suo diario ipotizza anche che fare la doccia con il padre possa aver contribuito alla sua dipendenza dal sesso.
La maggior parte dei media ha taciuto sulla questione, ma Tucker Carlson ha detto nel suo programma su Fox News che questo dovrebbe giustificare un’indagine di polizia per potenziale molestia su minori.

Ora che la sordida storia del comportamento perverso di Hunter e Joe è nota, è più facile capire perché sono state prese alcune decisioni politiche dell’amministrazione del presidente. Ad esempio, il nuovo giudice della Corte Suprema di Biden, Ketanji Brown Jackson, secondo il presidente e fondatore di Article 3 Project, Mike Davis, ha un record di 8 anni di condanne troppo clementi in almeno 8 casi di pedopornografia.

Jackson è stato indulgente con i pedofili nel 100% dei casi di pedopornografia. Davis ha anche riferito che in questi casi si è pronunciato contro le linee guida per le sentenze, e alcuni di questi predatori hanno recidivato dopo essere stati rilasciati.
Ci si chiede se l’inclinazione di Hunter per la pornografia infantile abbia influenzato la decisione del padre di nominare un giudice tenero con i predatori di bambini.

Foto estratta dal Laptop

L’ INDAGINE DI MARCOPOLO
Garrett Ziegler, consigliere di Donald Trump alla Casa Bianca, ha dichiarato che il suo gruppo di ricerca Marco Polo ha pubblicato un importante rapporto sul “laptop infernale” di Hunter Biden e ha inviato le sue conclusioni a tutti i 535 membri della Camera e del Senato, oltre che alle giurisdizioni in cui si sono verificati i presunti crimini del figlio di Joe Biden.

Garrett Ziegler ha dichiarato che dopo aver ottenuto una copia del computer portatile, gli investigatori di Marco Polo hanno intrapreso “ciò che ogni singola istituzione preposta all’applicazione della legge in questo Paese, in particolare e compresa l’FBI, non ha intenzione di fare“, ovvero compilare e rilasciare un registro storico dettagliato di tutto ciò che era presente sul computer portatile che Hunter Biden ha abbandonato in un negozio di riparazione di computer del Delaware nell’aprile 2019.

Il rapporto Marco Polo, di 630 pagine, ha riscontrato centinaia di violazioni documentate delle leggi statali e federali sul portatile, tra cui 140 presunte infrazioni di carattere commerciale, 191 infrazioni di carattere sessuale e 128 infrazioni di carattere tossicomaniaco.
Questo rapporto è il culmine di 13 mesi di ricerche da parte di una mezza dozzina di uomini che riconoscono che il portatile di Biden è la “Rosetta Stone” della corruzione politica, della corruzione soft e persino dei crimini“, ha dichiarato Garrett Ziegler del portale di notizie statunitense WorldTribune.

Il rapporto di 630 pagine di Marco Polo ha rilevato che sul laptop sono state trovate centinaia di violazioni documentate delle leggi statali e federali, inclusi 140 presunti crimini legati agli affari, 191 reati legati al sesso e 128 crimini legati alla droga.

Abbiamo registrato almeno 459 violazioni di leggi e regolamenti statali e federali“, ha affermato. “Non ci sono scuse per i repubblicani ora per non presentare deferimenti penali al Dipartimento di Giustizia. Non abbiamo bisogno di altri 2 anni di indagine che non vadano da nessuna parte e si concludano senza rinvii criminali. Questa non può essere un’altra indagine sulle email di Bengasi o di Hillary”. Zeigler ha detto che hanno avviato Marco Polo per fornire ricerche a scrittori veritieri (e quindi al pubblico).

Per un gran numero di giornalisti investigativi, Marco Polo è già diventato una fonte affidabile di informazioni incentrate in particolare sui crimini familiari di Biden
Secondo il rapporto, i reati che Hunter Biden avrebbe commesso includono il servire come agente per entità straniere senza rivelarlo, la frode fiscale e la falsificazione di documenti aziendali. I presunti reati includono anche prostituzione, pornografia non consensuale e distribuzione di stupefacenti.

Il rapporto si concentra sui crimini“, ha dichiarato Ziegler al Daily Wire. “Ho avuto l’impulso di registrare ogni crimine, anche gli statuti a livello statale. La missione è semplice: Mettere i repubblicani nei guai. Non vogliamo sentire che i repubblicani hanno bisogno di un altro anno per fare un’indagine“.

L’indagine sul portatile di Marco Polo include un ritratto grafico dell’inclinazione di Hunter Biden per le droghe pesanti, le prostitute e il porno.
Documenta anche la relazione di Hunter Biden con la cognata-amante Hallie, con cui Hunter ha avuto una relazione dopo la morte del fratello Beau per cancro al cervello nel maggio 2015.
Il rapporto descrive anche le prove relative all’acquisto di una pistola per la quale gli investigatori ritengono di avere prove sufficienti per accusare Hunter Biden.

Le foto trovate sul computer portatile sembrano mostrare che, nelle settimane precedenti all’acquisto della pistola, Hunter aveva assunto crack. Spetta ora all’Ufficio del Procuratore degli Stati Uniti del Delaware, nominato dal Presidente Donald Trump, decidere se Hunter sarà incriminato.
Si prevede che i repubblicani avvieranno un’indagine sul portatile una volta ripreso il controllo della Camera alle elezioni di midterm dell’8 novembre.

Hunter Biden – Image from Hunter Biden’s laptop. Hunter Biden laptop.

Garrett Ziegler ha dichiarato al tabloid britannico The Sun: “Il nostro obiettivo numero uno è assicurarci che i repubblicani non perdano tempo. L’indagine è stata fatta. Questo rapporto è una mappa semplice ma estremamente approfondita di chi dovrebbe essere citato in giudizio per quali tempi e per quali tipi di crimini. … Questo rapporto risponde finalmente a questa domanda, quindi i repubblicani non possono tornare indietro e dire che devono ancora guardare cosa c’è nel portatile“.

Ciò che abbiamo sotto gli occhi è una di quelle storie che avrebbero potuto rovesciare qualsiasi governo o presidenza non corrotta, ma abbiamo ampiamente capito che questo non è avvenuto ancora, poiché sia il mainstream che tutte i personaggi politici e no coinvolti, hanno fatto di modo di adottare l’omertá più assoluta, anzi, ridicolizzato l’intero caso come si fa quando si vuol nascondere la verità.

Il vento sta cambiando e finalmente sta emergendo la realtà più cruda nel suo aspetto peggiore, ma pur sempre intrisa di verità.
E per citare il grande Presidente Trump : ” The best is yet to come“, Il meglio deve ancora arrivare.

President Donald Trump walks off stage after speaking during a campaign rally in Avoca, Pa. (AP Photo/Evan Vucci)

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

3,580FollowerSegui
20,300IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Latest Articles