7.2 C
Rome
lunedì, Novembre 28, 2022

Buy now

Englebrecht e Philips a processo

Eugene Yu li ha accusati di diffamazione per l’inchiesta su Konnech. Una corte federale ne ha ordinato il fermo

I due leader di True the Vote sono stati arrestati lunedì mattina, il 31 ottobre, su ordine del giudice federale del Texas che li ha condannati per oltraggio alla corte. All’udienza, Catherine Engelbrecht e Gregg Phillips si sono rifiutati di indicare l’informatore che ha fornito loro il materiale per l’inchiesta. I due sono accusati di diffamazione e crimini informatici dalla Società Konnech, per averla accostata alla frode elettorale 2020 .
Il giudice aveva informato preventivamente i due imputati che avrebbero rischiato il carcere se non avessero rispettato i termini di un’ordinanza del tribunale entro le 9 di lunedì 31 ottobre. Phillips ha dichiarato agli agenti che le informazioni sui dati elettorali trasferiti in Cina sono a conoscenza soltanto dell’FBI e della società cinese collegata a Konnech che ha operativamente trasferito gli stessi. La Englebrecht ha indicato i nomi degli agenti federali a conoscenza di tutta la vicenda, con cui ha scambiato delle comunicazioni scritte (SMS). In pratica, su un documento ufficiale della polizia è riportato per iscritto che c’è stata un’influenza straniera sulle elezioni 2020 e che l’FBI ne è a conoscenza (!).


L’ordine di arresto è stato l’ultimo di una serie di colpi di scena nella causa civile intentata a settembre dalla Konnech, un’azienda con sede nel Michigan che fornisce software per la gestione degli operatori elettorali agli uffici elettorali.
La versione di True the Vote parla di un lungo appuntamento in albergo nel cuore della notte, agenti federali che fanno il doppio gioco, informatori confidenziali e minacce alla sicurezza in due continenti.

La causa di Konnech, invece, sostiene che le accuse di True the Vote contro l’amministratore delegato dell’azienda, Eugene Yu, siano infondate e razziste e che hanno costretto lui e la sua famiglia a fuggire da casa temendo per la propria vita e hanno danneggiato gli affari dell’azienda. Nel frattempo, Yu è stato arrestato e incriminato dal procuratore distrettuale di Los Angeles con l’accusa di aver conservato dati governativi in Cina, in violazione del contratto, il che conferma almeno alcune delle accuse mosse da True the Vote. I funzionari di Los Angeles hanno dichiarato di aver ricevuto informazioni da Phillips.

L’udienza di giovedì, che si è svolta all’11° piano dell’edificio del tribunale federale nel centro di Houston, è stata la prima in cui Engelbrecht e Phillips sono apparsi in tribunale per la vicenda. I due hanno testimoniato solo dopo che il giudice ha chiesto loro di farlo: Hoyt aveva bisogno della loro testimonianza per decidere se dovessero essere trattenuti per oltraggio alla corte per essersi rifiutati, per settimane, di consegnare le informazioni che aveva ordinato loro di produrre ai querelanti.

Si tratta dei nomi e dei contatti delle persone che, secondo Phillips ed Engelbrecht, erano presenti a un incontro in un hotel di Dallas nel gennaio 2021, quando True the Vote avrebbe ricevuto la prova che Konnech stava conservando impropriamente i dati personali di milioni di elettori statunitensi su un server in Cina.

Phillips ed Engelbrecht hanno affermato che Yu era un agente del Partito Comunista Cinese. Questa circostanza è confermata da altre inchieste giornalistiche indipendenti. Infatti la compagnia che fornisce il software per il conteggio dei voti alla Cina (ed al PCC), Hongzeng Technology, afferma sul suo sito che è stata fondata nel 2005 con la denominazione “Jinhua Yulian Network Technology Co., Ltd.” . Questa Società è l’omologa della Konnech, con sede in Michigan, ed opera in Cina. La Cina, secondo il materiale trovato nelle ricerche, avrebbe usato i dati degli operatori elettorali per influenzare le elezioni del 2020. Il team legale di True the Vote, in un’udienza in tribunale all’inizio del mese, aveva già indicato un nome: Mike Hasson.

Non che volessero farlo. “A nome dei miei clienti non vogliamo rilasciare il nome di questo individuo”, ha detto l’avvocato di True the Vote Brock Akers al giudice Hoyt nell’udienza del 6 ottobre. L'”analista” era, a suo dire, in “pericolo a causa delle forze del partito comunista cinese”. Il giudice tuttavia ha chiesto ad Akers di consegnare il nome, che l’avvocato ha scritto su un blocco legale giallo e ha letto ad alta voce per il verbale.
True the Vote ha fornito solo il nome di Hasson. Alla richiesta di giovedì di informazioni di contatto o di informazioni più dettagliate sull’identità di Hasson, Phillips ha detto alla corte di non avere modo di contattare Hasson e di aver comunicato con lui solo attraverso “app” di messaggistica non specificate. Ha detto di non aver più visto Hasson dalla notte in albergo del gennaio 2021.

Mostrando una foto di un uomo che gli avvocati di Konnech ritenevano essere Hasson, Phillips ha detto di non riconoscerlo. Quando le è stata mostrata la stessa foto, anche Engelbrecht ha esitato. “Il mio ricordo generale è che fosse più giovane di me e di razza caucasica. Ma oltre a questo non saprei proprio dirvi”, ha detto Engelbrecht.
Venerdì, gli avvocati di True the Vote hanno chiesto di sigillare la foto, che gli avvocati di Konnech avevano presentato come prova, “per salvaguardare la privacy” dell’uomo ritratto, nel caso in cui non fosse davvero Mike Hasson.

Gli avvocati di Konnech – Dean Pamphilis e Nathan Richardson dell’ufficio di Houston di Kasowitz Benson Torres – erano convinti che Hasson non avesse lavorato da solo, data l’insistenza di True the Vote in settimane di trasmissioni sul fatto che il lavoro era stato svolto da “analisti” e “ragazzi” al plurale. Perciò hanno fatto pressione sulla coppia per ottenere altri nomi.

Phillips, che è salito per primo sul banco dei testimoni, ha detto che era presente un altro analista, anche se ha affermato di non credere che quest’uomo fosse coinvolto nella ricerca di Hasson. Phillips si è rifiutato di fare il nome dell’uomo o di descrivere il motivo della sua presenza, così come Engelbrecht, che ha preso la parola successivamente.
“Ogni nome che vi faccio viene denunciato e molestato”, ha detto Engelbrecht a Richardson. Nonostante le sollecitazioni del giudice, i due attivisti non hanno comunicato alcun nome.

Hoyt ha dato agli avvocati di True the Vote tempo fino all’udienza di lunedì mattina per rivelare il nome dell’uomo agli avvocati di Konnech, altrimenti Engelbrecht e Phillips sarebbero stati trattenuti in carcere fino al rilascio. Poco dopo l’udienza, Phillips ha annunciato la decisione di Hoyt su Truth Social. “Fare la cosa giusta non è sempre facile, ma è sempre giusto”, ha scritto. “Siamo stati accusati di oltraggio alla corte perché ci siamo rifiutati di bruciare un informatore confidenziale o i nostri ricercatori. Lunedì andremo in prigione se non ci adegueremo”.

Il post è tematicamente coerente con le deposizioni rese in aula: i due sono vittime di una campagna diffamatoria e hanno tentato in buona fede di affrontare le vulnerabilità elettorali, anche a scapito della propria incolumità fisica.

La testimonianza di giovedì di Engelbrecht e Phillips ha offerto il maggior numero di informazioni sull’intricata relazione tra True the Vote, Konnech e il procuratore distrettuale di Los Angeles rispetto a qualsiasi altro sviluppo avvenuto finora. Ma l’ultima udienza ha messo in evidenza come alcuni aspetti della storia di True the Vote siano cambiati rispetto alle prime deposizioni in tribunale e come alcune delle loro risposte in tribunale siano in conflitto con le loro precedenti descrizioni pubbliche degli eventi.

In un evento chiamato “The Pit” tenutosi a Phoenix a metà agosto, Phillips ed Engelbrecht hanno dichiarato ai partecipanti di essere “incappati” in prove concrete di un complotto cinese per influenzare le elezioni del 2020. Il tutto ruotava, secondo le loro ricerche, intorno a una società chiamata Konnech. Le accuse hanno colpito i social media di destra come una bomba, scatenando chiamate agli uffici della contea che avevano stipulato contratti con Konnech. Per diverse settimane in agosto e settembre, Engelbrecht e Phillips hanno ripetutamente richiamato l’attenzione sulla Konnech in podcast e interviste.

Con l’avvio della causa per diffamazione, i punti salienti della trama sono apparsi simili in sequenza ai fatti che gli avvocati di True the Vote hanno rappresentato al tribunale. A fine settembre, l’avvocato del gruppo – Brock Akers, un legale di Houston che aveva inizialmente rappresentato True the Vote – ha dichiarato in un documento del tribunale che True the Vote aveva “consegnato al Federal Bureau of Investigation dati e informazioni che erano stati loro forniti”. Ha offerto pochi dettagli su chi avesse fornito i dati o con quali mezzi. In un’udienza di due settimane dopo, lo stesso avvocato ha dichiarato al giudice Hoyt che True the Vote non era mai stata in possesso dei dati e che era stato Mike Hasson a consegnarli all’FBI.

Nella testimonianza di giovedì, Phillips ha ribadito di aver trascorso più di quattro ore in un hotel di Dallas con Hasson e una terza persona non nominata. Da lì, anche le sue spiegazioni iniziano a divergere dalla linea temporale precedentemente stabilita.

Quando é stato chiesto a Phillips di rispondere alle precedenti affermazioni secondo cui lui e i “suoi uomini” si sarebbero introdotti nei dati di Konnech indovinando una semplice password, Phillips ha affermato di non aver avuto accesso personalmente ad alcuna informazione e di non sapere come fossero stati ottenuti i dati mostrati da Hasson. Alla domanda se fosse stato informato dell’esistenza di una password da qualcun altro, Phillips ha affermato di non ricordare.

Phillips ha dichiarato che Hasson non ha avuto accesso diretto ai dati di Konnech quella notte del gennaio 2021. Al contrario, Phillips ha detto che Hasson gli ha semplicemente mostrato file e schermate che erano stati raccolti in precedenza. Non avrebbero potuto scaricare i file – che secondo Phillips ammontavano a “circa 350 terabyte” – su Internet. Gli avvocati di Konnech non si sono soffermati sull’enormità delle dimensioni dei file. (Ci vogliono circa 2 miliardi di pagine di documenti per arrivare a 350 terabyte, una quantità di dati che riempirebbe quasi 1.500 computer portatili standard).
Phillips ed Engelbrecht hanno detto alla corte che True the Vote e i suoi sostenitori hanno continuato a fare ricerche su Konnech dopo che Hasson ha rivelato ciò che aveva trovato, basandosi su strumenti di ricerca “open source” e su richieste di documenti pubblici inviate ai clienti governativi di Konnech. I frutti di questa ulteriore indagine sono stati condivisi con l’FBI e la Contea di Los Angeles.
È stata la forte preoccupazione per la sicurezza degli informatori confidenziali dell’FBI che ha impedito loro di offrire informazioni più ampie nell’ambito della loro testimonianza di giovedì, hanno detto Engelbrecht e Phillips alla corte.

Mentre il giudice cercava di chiarire se Phillips e i suoi analisti stessero o meno affermando di aver violato una password, è sorta una certa confusione sulla provenienza di un post di Truth Social scritto da un sostenitore e “ritwittato” da Phillips. Il post sosteneva che Phillips e i suoi analisti avevano usato una password predefinita per accedere ai dati di Konnech, imitando il linguaggio precedente di Phillips. La Engelbrecht, come la Phillips prima di lei, alla fine non ha fornito alcun chiarimento sull’esistenza di una password.

Alla fine dell’udienza, durata quasi cinque ore, Hoyt aveva perso la pazienza con True the Vote e il suo team. “Mi è stato chiesto di fare una constatazione di oltraggio, e questa è la mia constatazione”, ha detto. “Sono entrambi in disprezzo della corte”. La sentenza è arrivata così rapidamente che molti di coloro che sedevano al tavolo della difesa non hanno registrato immediatamente una reazione.

Il giorno successivo, venerdì, l’avvocato di True the Vote Michael Wynn ha presentato alla corte quasi 30 pagine di prove, indicando che si trattava di uno sforzo dei suoi clienti per “eliminare il disprezzo in vista dell’udienza” di lunedì. Nessuno dei documenti identifica la persona senza nome presente nella stanza d’albergo di Dallas, né identifica più specificamente Mike Hasson.

Tra i documenti, tuttavia, ci sono schermate di messaggi di testo tra Engelbrecht e diverse persone che True Vote sostiene essere agenti dell’FBI. Pochi messaggi inviati dagli agenti identificati menzionano Konnech, sebbene Engelbrecht chieda ripetutamente e direttamente aggiornamenti sulla società. Nell’insieme, le schermate non rafforzano molto la versione degli eventi di True the Vote.

Una serie di messaggi di testo tra Engelbrecht e una persona che i documenti identificano come un’agente dell’FBI di San Antonio di nome Kristina Kakyay, mostrano diversi tentativi, in gran parte falliti, di Engelbrecht di contattare l’agente tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre, e sono i documenti poi inseriti dall’analista nel verbale di arresto.
Il 12 ottobre, esattamente un mese dopo che Konnech aveva intentato causa a True the Vote, Engelbrecht ha scritto la sua più lunga corrispondenza a Kakyay. “Siamo stati trascinati in una feroce causa intentata contro di noi da Konnech”, ha scritto in parte, prima di affermare che lei, Phillips e Hasson erano “tutti in pericolo”.
“Siamo stati tutti oggetto di dossieraggio. È su tutti i giornali”, ha detto. “Infine, c’è la possibilità che io sia stata avvelenata”.

In conclusione i due analisti sono stati arrestati, e con un escamotage hanno inserito nei verbali di arresto delle prove abbastanza evidenti della frode elettorale. La Konnech per ora sembra essere favorita nella causa di diffamazione, tuttavia più si scava a fondo più emergono elementi di difficile confutazione relative alle elezioni presidenziali 2020. Catherine Englebrecht ha registrato un vocale dalla cella dove chiede di avere fede e di votare al Midterm per aiutare lei e Phillips. Restate sintonizzati.

L’appello di Chaterine Englebrecht

Fonti:

https://texas.votebeat.org/2022/10/29/23430243/true-vote-konnech-lawsuit-gregg-phillips-engelbrecht-contempt

https://truthsocial.com/users/BrianCates/statuses/109260638096780680

https://truthsocial.com/users/BrianCates/statuses/109260656665478354

https://truthsocial.com/users/BrianCates/statuses/109260663268342309

https://kanekoa.substack.com/p/konnech-ceo-eugene-yu-worked-for


Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

3,580FollowerSegui
20,300IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Latest Articles