13.4 C
Rome
lunedì, Settembre 26, 2022

Buy now

5 esperimenti che spiegano il mondo

Il mondo è un posto confuso.

Le persone fanno azioni che non hanno alcun senso, pensano in modi che non sono supportate dai fatti, sopportano cose che non hanno bisogno di essere supportate e attaccano ferocemente coloro che cercano di portare queste cose alla loro attenzione.

Se ti sei mai chiesto perché, sei nel posto giusto.

Qualsiasi lettore occasionale del panorama dei media alternativi alla fine troverà un riferimento a Stanley Milgram o Philip Zimbardo o all’ “Esperimento Asch” o forse tutti e tre.

Dissonanza cognitiva“, “Diffusione della responsabilità” e “impotenza appresa” sono frasi che fanno regolarmente il giro, ma da dove vengono e cosa significano?

Bene, ecco gli importanti esperimenti psico-sociali che ci insegnano il modo in cui le persone pensano, ma più di questo in realtà spiegano come funziona il nostro mondo moderno e come siamo entrati in questo pasticcio.

1. L’ESPERIMENTO MILGRAM

Psicologia sociale dedicata al tema dell’obbedienza all’autorità e all’esperiemento Milgram del 1961.

L’esperimento: Iniziamo con i più famosi. A partire dal 1963, lo psicologo di Yale Stanley Milgram condusse una serie di esperimenti ora indicati come Milgram Obedience Experiments.

L’impostazione è semplice, al soggetto A viene detto di condurre un test di memoria sul soggetto B e di somministrare scosse elettriche quando commette errori. Naturalmente, il Soggetto B non esiste e le scosse elettriche non sono reali. Accadeva infatti che gli attori coinvolti piangessero, chiedessero aiuto o fingessero di essere incoscienti, mentre il Soggetto A sarebbe incoraggiato a continuare a somministrare gli shock.

La stragrande maggioranza dei soggetti ha continuato con il test e ha inferto gli shock elettrici, nonostante l’angoscia del “Soggetto B”.

La conclusione: Nel suo articolo su questo esperimento Stanley Milgram ha coniato il termine “diffusione della responsabilità”, descrivendo il processo psicologico attraverso il quale una persona può permettersi di scusare o giustificare se stesso nel fare del male a qualcuno se crede che non sia davvero colpa sua a causa dell’osservanza di una procedura, di una regola a lui imposta. Nella persona coinvolta (il soggetto A) si afferma il convincimento di non essere ritenuta responsabile e di non avere scelta.

L’applicazione: Le applicazioni sono infinite. Tutte le istituzioni possono usare questo fenomeno per spingere le persone ad agire contro il proprio codice morale. L’esercito, la polizia, il personale ospedaliero – ovunque ci sia una gerarchia o un’autorità percepita, le persone cadranno vittime della diffusione della propria responsabilità.

NOTA: E’ stato prodotto un film sull’ esperimento di Milgram, e il contraccolpo che i suoi esperimenti hanno causato. Il lungometraggio, chiamato Experimenter, fu presentato al Sundance Film Festival il 25 Gennaio del 2015. Negli ultimi anni c’è stato un importante rifiuto su questo esperimento, con articoli sul MSM che attaccano i risultati e la metodologia e nuovi “ricercatori” che affermano che “non dimostra ciò che pensi che faccia”.

2. L’ESPERIMENTO DELLA PRIGIONE DI STANFORD

psicologia sociale dedicata all’esperimento carcerario di Stanford del 1971 e all’origine del male.

L’esperimento: Solo leggermente meno famoso del lavoro di Milgram è l’esperimento carcerario di Philip Zimbardo, condotto alla Stanford University nel 1971. Per l’esperimento e’ stata allestita una finta prigione per una settimana. Nella prigione sono stati introdotti due gruppi di studenti. Un gruppo di soggetti designati “guardie” e gli altri “prigionieri”.

Ad entrambe le parti furono fornite uniformi e ai prigionieri fu dato un numero. Alle guardie fu ordinato di rivolgersi ai prigionieri solo in base al loro numero, non al loro nome.

C’erano una serie di altre regole e procedure, dettagliate qui.

In breve, nel corso della settimana, le guardie sono diventate sempre più sadiche, infliggendo punizioni ai prigionieri disobbedienti e premiando i “buoni prigionieri” per cercare di dividerli. Molti dei prigionieri hanno semplicemente preso l’abuso, e sono iniziate le lotte intestine tra “piantagrane” e “buoni prigionieri”.

Sebbene tecnicamente non potesse essere classificato come un “esperimento” nel senso più puro (non c’era alcuna ipotesi da testare e nessun gruppo di controllo) e forse influenzato da “caratteristiche della richiesta”(terminologia tecnica utilizzata in psicologia), lo studio rivela interessanti modelli di comportamento nei suoi soggetti.

La conclusione: Le guardie carcerarie divennero sadiche. I prigionieri divennero obbedienti. Tutto questo nonostante nessuna vera legge fosse stata violata, nessuna vera autorità legale autorizzasse la situazione e non ci fosse nessun reale obbligo di continuare da parte dei partecipanti l’ “esperimento”. Se dai potere alle persone e disumanizzi quelli sotto di loro, i primi diventeranno sadici. Se metti le persone in prigione, si comporteranno come se fossero in prigione.

In breve, le persone agiranno nel modo in cui vengono trattate.

L’applicazione: Ancora una volta, infinito. Abbiamo visto tutto attraverso il Covid, se inizi a trattare le persone in un certo modo, la maggioranza lo asseconderà e incolperà la minoranza che si rifiuta di collaborare. Nel frattempo, alle forze di polizia di tutto il mondo sono stati improvvisamente concessi nuovi poteri e ne hanno prontamente abusato perché i senza maschera e i non inoculati erano stati disumanizzati ai loro occhi. Quelle reazioni sono state progettate, non accidentalmente.

3. L’ESPERIMENTO DI ASCH

psicologia sociale dedicata al conformismo e al celebre esperimento del 1951.

L’esperimento: Un altro esperimento di conformità, non brutale come Milgram o Zimbardo, ma forse più inquietante per i suoi risultati.

Condotta per la prima volta da Solomon Asch nel 1950, la preparazione è semplice. Si dispone un gruppo di soggetti di osservazione: un soggetto reale e una manciata di soggetti falsi.

Uno per uno ai soggetti viene posta una serie di domande a scelta multipla a cui la risposta è sempre ovvia per via della sua ovvietà e semplicità. Tutti i soggetti falsi daranno ogni risposta errata. La domanda è: il vero soggetto manterrà o meno la propria risposta corretta o inizierà a conformarsi al gruppo?

La conclusione: L’esperimento riporto i seguenti risultati: il “tasso di errore” (la deviazione verso una conformità anche se “sbagliata”) nel gruppo di esperimento era del 37% contro ciò che si e registrato nel “gruppo di controllo”, meno dell’1%. Ciò significa che il 36% dei soggetti alla fine ha iniziato a cambiare le proprie risposte (idee) per allinearsi con il consenso, anche se consapevoli del loro errore.

Circa un terzo delle persone finge di cambiare idea per motivi di conformità o, cosa più allarmante, altererà effettivamente le proprie convinzioni se si troverà in minoranza.

L’applicazione: Sondaggi inscenati o inventati, conteggi dei voti falsificati nelle elezioni, account bot sui social media, campagne di astroturfing. I titoli dei media proclamano “tutti conoscono X” o “solo l’1% delle persone pensa Y”.

Ci sono molti strumenti che puoi usare per creare l’impressione di un falso “consenso”, una “maggioranza” fabbricata.

NOTA: L’esperimento è stato fatto un milione di volte in dozzine di varianti, ma forse la scoperta più interessante è stata che il mettere solo un’altra persona nel gruppo di controllo in accordo con il soggetto del test produceva una riduzione di “conformità” dell’87%. In sostanza, le persone odiano essere una voce solitaria, ma tollereranno di essere in minoranza se hanno un certo sostegno. Buono a sapersi.

4. L’ESPERIMENTO DI DISSONANZA COGNITIVA DI FESTINGER

L’esperimento:  L’esperimento meno conosciuto della lista, ma per certi versi il più affascinante. Nel 1954 Leon Festinger creò un esperimento per valutare il fenomeno della dissonanza cognitiva. La impostazione era di nuovo abbastanza semplice.

A un soggetto viene assegnato un compito fisico ripetitivo e noioso da svolgere (originariamente girando pioli di legno, ma altre varianti usano altri compiti).

Dopo che il compito fosse stato completato, il soggetto veniva istruito per andare a “formare” al compito il soggetto successivo (in realtà un assistente di laboratorio), mentendo e dicendogli quanto l’attività fosse interessante.

È a questo punto che i soggetti sono divisi in due gruppi, a un gruppo vengono offerti $ 20 per mentire, l’altro solo $ 1.

Questo è il vero esperimento.

La conclusione: Dopo aver mentito ai soggetti falsi e aver ricevuto i loro soldi, i soggetti reali prendono parte a un’intervista post-esperimento e registrano i loro pensieri genuini sul compito.

È interessante notare che chi aveva ricevuto i 20 dollari per mentire, generalmente dicevano la verità: che trovavano il compito noioso e ripetitivo. Mentre il gruppo che aveva ricevuto 1 dollaro, il più delle volte, affermava di aver veramente apprezzato il compito.

Questa è la dissonanza cognitiva in azione.

In sostanza, per il gruppo da $ 20, il denaro era una buona ragione per mentire al loro collega soggetto del test, giustificando mentalmente il proprio comportamento. Ma, per il gruppo da $ 1, la scarsità della ricompensa ha reso la loro disonestà internamente ingiustificabile, quindi hanno dovuto inconsciamente creare la propria giustificazione convincendosi che non stavano mentendo affatto.

In sintesi, se offri alle persone una piccola ricompensa per aver fatto qualcosa, queste faranno finta di goderne, e di convincersi della bontà dell’azione svolta per via del piccolo profitto a loro riconosciuto.

L’applicazione: Casinò, giochi per computer e altri media interattivi utilizzano questo principio tutto il tempo, offrendo ai giocatori pochissimo guadagno sapendo che si convinceranno che si stanno divertendo a giocare. Anche le grandi aziende e i datori di lavoro possono fare affidamento su questo fenomeno per mantenere bassi i salari, sapendo che i lavoratori a bassa retribuzione hanno un meccanismo psicologico che può convincerli che amano il loro lavoro.

NOTA: Una variazione di questo esperimento introduce un terzo gruppo, che non è pagato nulla per mentire. Questo gruppo non è influenzato dalla dissonanza cognitiva e valuterà onestamente il compito proprio come fa il gruppo ben pagato.

5. LA SCALA DELLE SCIMMIE

L’esperimento: Questa è un’aggiunta un po’ controversa alla lista di esperimenti presentati, ma ci arriveremo più tardi. È un esperimento molto famoso che probabilmente hai sentito citare dozzine di volte.

Nel 1960 gli scienziati di Harvard misero cinque scimmie in una gabbia con una scala a pioli nel mezzo. In cima alla scala a pioli c’è un mucchio di banane, tuttavia ogni volta che una scimmia cerca di salire la scala vengono tutte spruzzate con acqua ghiacciata. Alla fine, le scimmie imparavano ad evitare la scala rinunciando alle banane.

Quindi una scimmia viene rimossa e viene introdotta una nuova scimmia. Naturalmente va dritto verso la scala e viene attaccato dalle altre quattro scimmie.

Quindi viene rimossa una seconda scimmia e viene introdotta un’altra nuova scimmia. Naturalmente va dritto verso la scala e viene attaccato dalle altre quattro scimmie… compreso quello che non è mai stato spruzzato.

Continuano a sostituire ogni scimmia a turno, fino a quando non sono presenti scimmie che siano mai state spruzzate con acqua, eppure tutti si rifiutano di avvicinarsi alle scale e impedire a tutte le nuove scimmie di farlo.

Ora, l’ovvia conclusione qui è che le persone possono essere condizionate a seguire insensatamente regole che non capiscono.

L’unico problema è che nulla di tutto questo è mai accaduto.

Questa è la controversia a cui facevo cenno in presentazione dell’esperimento: Nonostante sia facilmente reperibile in ogni angolo di internet, nonostante gli articoli di riviste lo spiegassero e le animazioni che lo raccontassero… questo esperimento non è mai stato organizzato, non e mai successo. L’esperimento sembra essere interamente apocrifo.

Niente scale, niente scimmie, niente acqua fredda.

Quindi, mentre questo presunto esperimento in realtà non ci insegna la mentalità del gregge, spiega il mondo moderno, perché ci mostra quanto facilmente un mito possa essere trasformato in una realtà a forza di ripetizioni.

BONUS: MONKEY LADDER REDUX

Esatto, non si ferma qui, c’è un altro colpo di scena.

National Geographic ha effettivamente ricreato l’esperimento immaginario della scala delle scimmie usando le persone:

Un soggetto entra nella sala d’attesa di un medico piena di pazienti falsi. Quando suona una campana, tutti i falsi pazienti si alzano per un secondo e poi riprendono i loro posti.

Dopo che questo processo si ripete alcune volte, i pazienti falsi vengono lentamente rimossi uno per uno fino a quando rimane solo il soggetto dell’esperimento. Quindi vengono introdotti soggetti reali secondari uno alla volta.

L’esperimento cerca di rispondere alle seguenti domande:

a) Il soggetto originale si alzerà alla campana senza sapere perché?

b) Continueranno ad alzarsi in piedi quando saranno soli nella stanza?

c) Insegneranno allora questo comportamento ai nuovi soggetti?

La risposta a tutti e tre sembra essere “sì”.

Ora, anche se molto meno scientifico degli altri quattro esperimenti, lo propongo qui per una ragione molto specifica. Il video sopra dell’esperimento non solo registra il comportamento conforme, ma lo descrive come possibilmente benefico. Aggiungendo che il comportamento del gregge (ovini), della mandria (bovini), dello stormo (uccelli), di un banco (pesci) salva vite in natura e che questo è “il modo in cui impariamo a socializzare”.

Una osservazione molto interessante, non credi?

Quindi, mentre l’esperimento della scimmia finta che non è mai accaduto è stato usato per insegnarci i pericoli della mentalità del gregge, la sua inesistenza in realtà ci insegna i pericoli delle fonti non primarie e la capacità della coscienza di gruppo di confabulare.

Nel frattempo, il vero esperimento delle scimmie viene utilizzato per venderci l’idea che la mentalità del gregge esista ma sia potenzialmente una buona cosa. Sollevando la possibilità che il tutto avrebbe potuto essere messo in scena, semplicemente per promuovere la conformità.

Il mondo non è un posto strano e confuso?

Quindi, eccoli qui. Ho messo insieme, come non era stato mai fatto, cinque dei pezzi più critici della ricerca psicologica, sperando che da oggi in poi nessuno si sentira’ lasciato all’oscuro quando questi concetti o esperimenti saranno nominati.

Ma lo scopo di questo articolo non è solo quello di far capire a te, lettore, questi esperimenti. ha anche lo scopo di ricordarti che lo fanno.

I responsabili, l’élite, l’1%, “Il Partito”. I poteri che sono – o non dovrebbero essere – comunque li si voglia chiamare.

Conoscono questi esperimenti. Li hanno studiati. Probabilmente li hanno replicati innumerevoli volte su larga scala e in modi non etici che possiamo a malapena immaginare. Chissà esattamente cosa succede nei sotterranei bui e umidi dello stato profondo?

Ricorda, sanno come funziona la mente umana.

  • Sanno che possono far fare qualsiasi cosa alle persone se le rassicurano che non saranno ritenute responsabili.
  • Sanno che possono fare affidamento sulle persone per abusare di qualsiasi potere che gli viene dato, o credono di essere impotenti se vengono trattati in quel modo.
  • Sanno che la pressione dei coetanei cambierà le menti di molte persone anche di fronte alla realtà innegabile, specialmente se li fai sentire completamente soli.
  • Sanno che se offri alle persone solo una piccola ricompensa per aver completato un compito, si inventeranno la propria giustificazione psicologica per prenderlo.
  • Sanno che se le persone faranno insensatamente qualsiasi cosa tutte le altre loro interno, faranno lo stesso senza mai chiedersi perché.
  • E sanno che le persone crederanno felicemente a qualcosa che non è mai successo se viene ripetuto abbastanza spesso.

Sanno tutto questo. E usano quella conoscenza tutto il tempo  Sempre. Ogni. Giorno.

Ogni spot che vedi, Ogni articolo che leggi, Ogni film che producono, Ogni elemento sulle notizie, Ogni post “virale” sui social media, Ogni hashtag di tendenza.

Ogni guerra. Ogni pandemia. Ogni titolo.

Tutti sono costruiti con questi principi in mente per suscitare specifiche reazioni emotive che guidano il tuo comportamento e le tue convinzioni. È così che funzionano i media, non per informarti, non per intrattenerti. ma per controllarti.

E lo hanno ridotto a una scienza. Ricordatelo sempre.

Articolo riportato e tradotto da ZeroHedge

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Stay Connected

3,501FollowerSegui
20,100IscrittiIscriviti
- Advertisement -spot_img

Latest Articles